domenica 19 ottobre 2014

Federugby Sicilia: Prima vittoria per "Le Aquile del Tirreno" di Milazzo

Fase preliminare dell'incontro, il Sig Laudani , direttore di gara , legge le distinte e comunica alcune regole ad entrambi i contendenti
Federugby Sicilia: 
Buona la terza , Le "Aquile", tra le proprie mura guadagnano i primi punti ai danni dei "BRIGANTI LIBRINO CATANIA. Eppure, sono  gli Etnei che partono alla  grande, facendo presagire l'ennesima sconfitta per i mamertini.  La determinazione degli ospiti, affidata in parte alle giocate di Damiano Caruso, si spegneva dopo le battute iniziale. 
Sono invece i locali , trascinati da un ottimo Gaetano Scoloro e Giuseppe Impellizzeri che , impongono  la legge "del campo" conquistando passo passo quei punti ed amministrare un discreto  vantaggio 
Qualche acuto degli Etnei all'inizio del secondo e nelle fasi  dell'incontro, reazione  ben contenuta da Caizzone e compagni.
Per i Milazzesi una prima vittoria che da morale al gruppo e sicuramente sarà  foriero di migliori prestazioni nel proseguo del Torneo 
Foto della gara del campionato di Serie C1 – girone H – Poule Sicilia. 
Campionato nazionale Serie C1 – girone H – Poule Sicilia Prima fase – terza giornata – del – 19/10/2014

Federugby Sicilia: Risultati 19 ottobre 2014
I risultati delle società siciliane, domenica 19 ottobre 2014:
Campionato nazionale Serie B – girone D – Poule 2Terza giornata – 19/10/2014
Amatori Catania – Rugby Reggio Calabria 19 – 03
Amatori Messina – Ragusa Padua 34 – 19
Prossimo turno – 26/10/2014
Amatori Catania – Us Rugby Benevento
Rugby Reggio Calabria – Ragusa Padua
SVICAT Rugby – Amatori Messina
Campionato nazionale Serie C1 – girone H – Poule SiciliaPrima fase – terza giornata – 19/10/2014
CUS Catania – Nissa Rugby 11 – 09
Aquile del Tirreno – Briganti Librino Catania 25 – 15
Audax Ragusa – Clan Messina 28 – 30
CLASSIFICA ALLA TERZA GIORNATA DI ANDATA
CUS Catania 14 Clan Messina 10
Nissa Rugby 10 Audax Ragusa 07
Aquile del Tirreno 06
Briganti Librino Catania 00
Prossimo turno – 26/10/2014
Clan Messina – CUS Catania
Briganti Librino Catania – Nissa Rugby
Audax Ragusa – Aquile del Tirreno
Campionato regionale Serie C2 – girone unicoPrima fase – terza giornata – 19/10/2014
Syrako Rugby – Amatori Palermo 08 – 25
Iron Team Palermo – Fiamma Cibali Catania 12 – 15
Misterbianco Rugby – Acireale Rugby 00 – 21
ha riposato: Aquile Enna
CLASSIFICA ALLA TERZA GIORNATA DI ANDATA
Amatori Palermo 14
Fiamma Cibali Catania 09
Iron Team Palermo 02
Acireale Rugby 01
Syrako Rugby –03
Misterbianco Rugby –04
Aquile Enna –08
Acireale Rugby, Aquile Enna, Misterbianco Rugby e Syrako Rugby 8 punti penalizzazione
Prossimo turno – 26/10/2014
Amatori Palermo – Aquile Enna
Acireale Rugby – Syrako Rugby
Fiamma Cibali Catania – Misterbianco Rugby
riposa: Iron Team Palermo
Campionato nazionale Under 18 éliteGirone 1 – seconda giornata – 19/10/2014
CUS Catania – CUS Roma 71 – 07
Prossimo turno – 09/11/2014
U.R. Capitolina – CUS Catania
Campionato regionale Under 18Girone 1 – seconda giornata – 19/10/2014
Amatori Messina – Logaritmo Messina 67 – 00
CAS Reggio – Aquile del Tirreno 34 – 07
Iron Team Palermo – Clan Messina 15 – 24
CLASSIFICA ALLA SECONDA GIORNATA DI ANDATA
Amatori Messina 10
CAS Reggio 09
Aquile del Tirreno 05
Clan Messina 05
Iron Team Palermo 00
Logaritmo Messina 00
Prossimo turno – 16/11/2014
Clan Messina – Aquile del Tirreno
Amatori Messina – Iron Team Palermo
CAS Reggio – Logaritmo Messina
Campionato regionale Under 18Girone 2 – seconda giornata – 19/10/2014
Briganti Librino Catania – Nissa Rugby 24 – 10
Audax Ragusa – CUS Catania II 12 – 19
Amatori Catania – Fiamma Cibali Catania 36 – 14
ha riposato: Ragusa Padua
CLASSIFICA ALLA SECONDA GIORNATA DI ANDATA
Amatori Catania 09
Audax Ragusa 06
Fiamma Cibali Catania 05
Briganti Librino Catania 05
CUS Catania II 04
Ragusa Padua 01
Nissa Rugby 00
Prossimo turno – 26/10/2014
CUS Catania II – Amatori Catania
Audax Ragusa – Briganti Librino Catania
Nissa Rugby – Ragusa Padua
riposa: Fiamma Cibali Catania
Campionato regionale Under 16Girone 1 – seconda giornata – 19/10/2014
Amatori Messina – Logaritmo Messina 07 – 59
CAS Reggio – Aquile del Tirreno 17 – 00
Rugby Palermo – ReggiOvale 05 – 18
CLASSIFICA ALLA SECONDA GIORNATA DI ANDATA
Logaritmo Messina 10
CAS Reggio 09
Amatori Messina 05
Aquile del Tirreno 00
ReggiOvale 00
Rugby Palermo -04
ReggiOvale e Rugby Palermo 4 punti penalizzazione
Prossimo turno – 16/11/2014
ReggiOvale – Aquile del Tirreno
Amatori Messina – Rugby Palermo
CAS Reggio – Logaritmo Messina
Campionato regionale Under 16Girone 2 – seconda giornata – 19/10/2014
Briganti Librino Catania – Nissa Rugby 34 – 00
Audax Ragusa – San Gregorio 19 – 10
Amatori Catania – Fiamma Cibali Catania 05 – 51
ha riposato: San Gregorio
CLASSIFICA ALLA SECONDA GIORNATA DI ANDATA
Audax Ragusa 09
Fiamma Cibali Catania 09
Briganti Librino Catania 05
Amatori Catania 00 *
Ragusa Padua 00 *
San Gregorio 00
Nissa Rugby 00
* una partita in meno
Prossimo turno – 26/10/2014
San Gregorio – Amatori Catania
Audax Ragusa – Briganti Librino Catania
Nissa Rugby – Ragusa Padua
riposa: Fiamma Cibali Catania
Campionato regionale Under 16Girone 3 – seconda giornata – 19/10/2014
Syrako Rugby – Amatori Palermo Junior 36 – 00
CUS Catania – Miraglia Rugby 51 – 00
ha riposato: Rugby Enna
CLASSIFICA ALLA SECONDA GIORNATA DI ANDATA
CUS Catania 10
Rugby Enna 05
Syrako Rugby 05
Miraglia Rugby 00
Amatori Palermo Junior –04
Amatori Palermo Junior 4 punti penalizzazione
Prossimo turno – 26/10/2014
Amatori Palermo Junior – Rugby Enna
Miraglia Rugby – Syrako Rugby
riposa: CUS Catania
Comunicato Federugby Sicilia
Roman Henry Clarke – Addetto stampa C.R.Siciliano FIR
Fonte auroramilazzo.itPrintFriendly and PDFStampa

A tutta scuola. I progetti PON del nostro "Liceo Classico" di Milazzo

  I corsisti del PON di Italiano, con le professoresse Flaviana Gullì e Angela Picciolo. 
Il giornalismo è la nostra materia! 
Progetti Pon 

Viaggio di studio per i quindici studenti i del triennio,dell’I.I.S. “G.B.Impallomeni” di Milazzo, diretto dal Dirigente Scolastico Caterina Nicosia, accompagnati da 4 docenti tutor,  sono stati a Londra dal 17 Settembre al 13 ottobre 2014 per partecipare ad un progetto Pon C1 dal titolo “Open up to Europe”


Come tante altre scuole, anche il "Liceo di Milazzo"nelle varie componenti(Classico ,Scientifico e Linguistico)  ha avviato da anni una serie progetti extracurriculari volti all’approfondimento delle diverse materie di studio.
 Si tratta dei PON (acronimo di "Programma Operativo Nazionale"), cioè di progetti, realizzati grazie al contributo del Ministero dell'Istruzione e di fondi strutturali europei, attraverso i quali gli studenti, selezionati tramite apposite graduatorie, hanno l'opportunità di sviluppare e consolidano le loro competenze. 
Non è la prima volta che l’Impallomeni si avvale dei fondi europei per ampliare le competenze linguistiche dei propri studenti. 
La scuola  organizza anche  corsi pomeridiani tenuti da docenti madrelingua per ottenere il massimo dei riconoscimenti compresa  le certificazioni Cambridge e Trinity. 
Il recente corso  di 80 ore svolto all'estero, era stato preceduto da una preparazione linguistica in sede, dalla durata di 15 ore, realizzata da una docente madrelingua, era mirato al raggiungimento della certificazione Trinity B2, 
Gli studenti, ospitati in famiglia, sono state accompagnate dalle professoresse Bono, Campagna, Micali e Rampulla.

Anche quest'anno, su iniziativa del Consiglio di Istituto, già dallo scorso settembre è stato presentato il quadro generale di tutti i corsi proposti. I progetti prevedono una durata variabile dalle 30 alle 50 ore, da organizzare nelle settimane dell’anno scolastico. Al termine delle lezioni di ciascun corso, è previsto un esame che, una volta superato, garantisce il rilascio di un attestato di partecipazione. 
Tra i più seguiti, ci sono quelli dedicati allo sviluppo delle competenze nella lingua inglese, che consentono di prepararsi per la certificazione dei livelli PET e First. Ma non è solo l’inglese ad essere protagonista dei PON, in quanto anche alcune discipline di carattere umanistico e scientifico sono oggetto di studio durante specifici progetti. 


Il Liceo Impallomeni - vuole privilegiare , in particolare, l’aspetto linguistico e scientifico, realizzando corsi di scienze, tedesco e italiano. Il corso di tedesco viene tenuto per gli studenti dell’indirizzo linguistico, che hanno avuto la possibilità di partecipare ad uno stage a Berlino. Il PON di scienze racchiude in sé le competenze derivanti dallo studio della fisica e della matematica. 
Ultimo, ma non per importanza, il corso di italiano “Parlare, leggere e scrivere”, che consente agli studenti di mettere in luce il proprio talento di giornalisti in erba, migliorando le competenze di scrittura. Esito di questo PON è il Blog sul quale ci state leggendo, che abbiamo voluto sviluppare come un contenitore per articoli, saggi brevi, interviste. 

I risultati e la validità  dei PON  confermano  il valore positivo dello studio e della formazione, dimostrando che si può imparare anche divertendosi e mettendosi in gioco in prima persona. Ma, soprattutto, la vera lezione è che investire su se stessi, nel tentativo di migliorare sempre di più le proprie competenze, è una carta vincente per avere successo nel raggiungimento dei propri obiettivi, arricchendo il curriculum e preparandosi ai percorsi universitari.


venerdì 17 ottobre 2014

Un secco NO NO NO al Concorso di idee “Monostelo di classe” giunge anche Egidio Maio responsabile locale dell'Associazione ambientalista "Zero Waste Sicilia" che ha diramato il seguente comunicato:





“Il Monostelo di classe”, concorso sulle tematiche ambientali riservato alle scuole primarie e secondaria di primo grado, innesca la miccia delle polemiche, tanto che il coordinamento delle associazioni ambientaliste della valle del Mela giunge a chiedere le dimissioni del commissario che regge le sorti della Provincia Regionale. 


        Un secco NO NO NO al Concorso di idee “Monostelo di classe” giunge anche Egidio Maio responsabile locale dell'Associazione ambientalista Zero Waste Sicilia ha diramato il seguente comunicato:
"Zero Waste Sicilia esprime un fortissimo NO al Concorso di idee , ideato e concordato tra la Provincia Regionale di Messina e Terna Rete Italia rivolto agli alunni delle classi IV e V della scuola primaria e I e II della scuola secondaria di primo grado. 
Ci rivolgiamo a tutti i Responsabili degli Istituti Scolastici dei 13 comuni interessati dall’attraversamento dell’elettrodotto TERNA Sorgente/Rizziconi affinché respingano fermamente tale proposta provocatoria nei confronti di tutti i cittadini che si battono e si sono battuti contro il tracciato. 
Egidio Maio
Zero Waste Sicilia chiede a tutti i Sindaci e ai Presidenti dei Consigli comunali dei comuni interessati di assumere una immediata e secca opposizione a tale idea. Il tentativo, di TERNA, di recuperare immagine e fiducia nelle popolazioni “utilizzando” i ragazzi delle scuole è offensivo e appare come una beffa dopo il danno. 
Le Famiglie degli scolari interessati attivino immediatamente una raccolta di firme per esprimere la loro netta contrarietà invitando i Dirigenti scolastici di competenza di non avviare le procedure per tale “sceneggiata” affermando che sono sconcertati da tale proposta di utilizzare i ragazzi come paravento. 

Zero Waste Sicilia chiede al Commissario della provincia Regionale di Messina, dott. Filippo Romano, di annullare tale concorso in coerenza e rispetto delle deliberazioni assunte dal Consiglio Prov.le di Messina sulla vertenza Elettrodotto Sorgente/Rizziconi.

Incontro dibattito Sicurezza-Salute-Sopravvivenza nel Comprensorio Milazzo-Valle del Mela

Padre Giuseppe Trifirò , il Parroco alla testa delle associazioni ambientaliste e dei comitati di Milazzo della Valle del Mela, in una lettera invita i Sindaci del comprensorio all'incontro dibattito sulla: Sicurezza-Salute-Sopravvivenza nel Comprensorio Milazzo-Valle del Mela 

"L' incontro avrà luogo nel Salone Parrocchiale della Chiesa S.Maria della Catena, in Archi S. Filippo del Mela, il giorno 18 c.m.alle ore 10,00 
Quanto in oggetto, si legge nell'invito, è rivolto anche agli assessori all'ambiente dei rispettivi Comuni, scaturisce a seguito di un incontro tenutosi il g. 13 c.m., con le tante associazioni Ambientaliste ed i Comitati spontanei sorti a seguito dell'incendio del serbatoio della RAM. 
“Le Associazioni Ambientaliste Milazzo/Valle del Mela – si legge nel documento - portatrici di interessi diffusi e collettivi, dopo la grande e pacifica manifestazione del 4 ottobre 2014 nella quale si è registrata la partecipazione di molte migliaia di Cittadini (donne, giovani, pensionati, lavoratori, disoccupati, studenti, etc.) provenienti da tutti i comuni della costa tirrenica, che a seguito del gravissimo incendio del serbatoio nr. 513 della RAM di Milazzo, occorso la notte del 27 settembre u.s. che fortunatamente non ha causato vittime tra la popolazione, ma che la stessa impaurita e confusa, non sapendo cosa fare o dove andare, fuggiva in ogni direzione, con grave rischio di incidenti,a nome di tutta la popolazione del Comprensorio tirrenico Milazzo/Valle del Mela,
In nome delle Associazioni Ambientaliste e dei comitati 
il sac. Giuseppe Trifirò 
S.Filippo del Mela - 
^^^^^^^
           Nella vicenda:Sicurezza-Salute-Sopravvivenza nel Comprensorio Milazzo-Valle del Mela, la figura di  Padre Giuseppe Trifirò ha rappresentato  un punto di riferimento, un rappresentante del Clero che  ha sempre lottato a fianco dei suoi parrocchiani, gli abitanti di Archi . Adesso però è anche il riferimento per tutto il comprensorio dell’area tirrenica vessata dall’inquinamento, e dopo il terribile incidente alla Raffineria di Milazzo, si è ritrovato ad essere un mediatore tra le tante realtà associative che chiedono con forza un intervento mirato a ristabilire sicurezza e salute pubblica.
Ora, però, anche il mite uomo di Chiesa ha perso la pazienza, in passato protagonista di una clamorosa protesta l'invito a - non recarsi alle urne - manifestata con una lettera a tutti i cittadini della Comunità massacrate invitandoli. Un invito secco a non recarsi alle urne in occasione delle elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento nazionale previste domenica 24 e lunedì 25.
Ancora una volta si rivolge ai rappresentanti delle comunità per ottenere delle risposte concrete e per esaminare assieme, la gestione dei rischi, assicurare l’obiettivo sicurezza e razionalizzare i controlli ambientali di ogni tipologia di inquinanti per il territorio di tutto il Comprensorio tirrenico.tenendo conto che l’attuale rapporto con il Sistema industriale, è stato gestito con metodo parcellizzato dai Comuni, dalla Regione Sicilia e Autorità competenti, come conseguenza molto evidente, non ha certamente garantito salubrità, sicurezza e procedure di sorveglianza.
Sarà in grado la classe politico amministrativa del Territori, ancora una volta chiamata in causa a dare risposte al problema ?
Padre Trifirò –  nutre una dose di speranza ed anche un filo di perplessità, forse frutto di passate e recenti battaglie:
"A nessuno interessano le lotte che la nostra popolazione combatte da moltissimi anni per chiedere il diritto alla vita e alla salute”.“A nessuno interessa che viviamo in una zona ad alto rischio ambientale – si legge nella lettera -. Questa zona dove il sole splende e riscalda dall’alba al tramonto era storicamente nota per le primizie e i meravigliosi frutti della terra con spiagge da sogno, meta ricorrente per visitatori di tutto il mondo. Oggi, dopo più di 40 anni di industrializzazioni pesanti e il conseguente scempio ambientale, resta ben poco di quanto descritto. Inoltre sono aumentati in crescente numero di malattie e le morti per tumore, come descritto ampiamente dagli studi effettuati dall’Enea (Ente per le Nuove Tecnologie, l’’Energia e l’Ambiente) e dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità)”.
"La gente di queste contrade protesta. Occupazioni, sit-in. Viaggi a Palermo per sensibilizzare una politica che rimane assente" 


Si ringrazia Egidio Maio per la collavorazione

giovedì 16 ottobre 2014

NO a "tavoli tecnici"! SI alla Diretta Responsabilità e gestione ai Sindaci! di Egidio Maio



NO a "tavoli tecnici"!SI alla Diretta Responsabilità e gestione ai Sindaci!
Intervento del rappresentante di Egidio Maio -prer zero waste sicilia
"Dopo 12 anni, dal "decreto della Regione Siciliana del settembre 2002 che dichiarava il comprensorio industriale del Mela “Area ad elevato rischio di crisi ambientale", i 7 sindaci del Comprensorio del Mela non possono ancora chiedere "di istituire un tavolo tecnico" per dar corso a quegli interventi previsti nel decreto della Regione Siciliana istituendo una commissione per l’attuazione del Piano di risanamento."
Dopo l'incidente del serbatoio nr 513 della RAM - nella notte del 27 settembre -, che ha provocato e scatenato un enorme caos dei cittadini dell'intera zona e che fortunatamente non è stato causa di incidenti mortali, occorre mettere in essere provvedimenti urgenti che rivoluzionano la gestione del polo industriale tirrenico:
- Creazione di un Coordinamento Ambientale
intercomunale degli EE. LL. Valle del Mela/Milazzo per la gestione, trattazione, di tutte le tematiche industriali/ambientali, autorizzazioni, rinnovi, concessioni, sicurezza, e controllo dell’inquinamento atmosferico, terrestre e marino;
- Predisposizione entro 6/12 mesi (tassativi) dei sindaci, d’intesa con la Prefettura di Messina e in collaborazione con la Protezione Civile, i VV. FF., l’ASL di Messina dovranno, entro sei mesi (tassativi), elaborare e predisporre un Piano Straordinario di evacuazione delle popolazioni in caso di incidente rilevante;
- Richiesta di predisporre uno Studio aggiornato dei venti e la installazione di una nuova Rete di Monitoraggio attrezzata con le più moderne strumentazioni per il controllo di tutte le sostanze inquinanti gestita e controllata direttamente dai comuni utlizzando personale ed attrezzature del’ARPA;
- tutti i serbatoi, della RAM e della centrale Edipower, adiacenti alle civili abitazioni della frazione di Archi devono essere demoliti in tempi certi (due anni); nelle more di tali adempimenti tali serbatoi devono essere svuotati, disattivati e messi fuori servizio definitivamente con provvedimenti rilasciati dagli organi di controllo pubblici;
- gli spazi creati da tali demolizioni dovranno essere utilizzati x creare aree di abbattimento acustico, ambientale, veicolare, etc.;
- Le Associazioni ambientaliste, tramite loro rappresentanti/esperti, devono partecipare con diritto di parola a tutti gli incontri del Coordinamento Intercomunale.
Le popolazioni che hanno partecipato alla grandiosa, pacifica e colorata manifestazione del 4 ottobre hanno gridato:SICUREZZA - AMBIENTE - SALUTE - LAVORO!

Egidio Maio - zero waste sicilia

martedì 14 ottobre 2014

Elisa D'Ospina -collaboratrice del programma " Detto Fatto" presentato da Caterina Balivo il prossimo 6 novembre 2014 a Milazzo presso l'Aula Magna Liceo G.B. Impallomeni


il 6 Novembre alle ore 9,00 nell'aula Magna del Liceo Classico " G.B.Impallimeni" l'associazione Teseo organizza un incontro fra gli studenti e la top- model curvy Elisa D'Ospina, autrice del libro :" Una vita tutta curve" , nonché collaboratrice del programma " Detto Fatto" presentato da Caterina Balivo. Testimonial del Ministero della salute della campagna sui disturbi dell'alimentazione dei giovani, L'incontro servirà a lanciare un messaggio ad accettarsi e ad accettare il proprio corpo anche con qualche chilo in più ! Tutto questo assume una valenza sociale alla luce dell'episodio del ragazzo a Napoli che a causa della sua obesità e' stato violentato con una pistola a compressione. Elisa D'Ospina 

Elisa, classe 1983, modella dal 2007, ha calcato le passerelle di tutto il mondo, diventando il simbolo della moda per donne formose! Il suo motto? Nessuna donna è o deve sentirsi esclusa dal mondo fashion. Da sempre impegnata nella lotta contro i disturbi alimentari, la nostra curvy coach è in grado di dare consigli di moda per tutte le taglie!
Elisa è diventata anche una voce di riferimento nel panorama della moda italiana, grazie alle sue rubriche su Vogue Italia e Leonardo.it, e al suo seguitissimo twitter (@ElisaDospina

"Detto Fatto" -  riceve sempre molte richieste per avere un consiglio da parte di Elisa D'Ospina.. Adesso è il vostro momento! #dettochatto , proprio con Elisa! 
Scrivete qui tutte le vostre domande, e seguiteci in videochat per avere la risposta in diretta. Vi aspettiamo!! Elisa D'Ospina Fanpage Ufficiale


CAMPAGNA RIFIUTI ZERO: Meno discariche, meno incenerimenti, più lavoro.



Rete Rifiuti Zero Sicilia – MESSINA
Risorse, non combustibili!

Comunicato
Fra gli spropositi scientifici più eclatanti, propalati da chi vede la gestione dei rifiuti come un redditizio e poco rischioso business e non come un servizio per i cittadini, c’è la truffa del cosiddetto recupero energetico. Questa dizione potrebbe far pensare che insieme ai rifiuti si butti via preziosa energia, ovvero che sia possibile trasformare la massa in energia bruciandola tal quale, o sotto forma di combustibile solido secondario (CSS) o derivato da rifiuti (CDR). Ciò è falso: le trasformazioni massa-energia possono avvenire solo per brevissimi istanti in enormi laboratori scientifici e nelle stelle, ma certamente non negli inceneritori (detti solo in Italia termovalorizzatori), né nei cementifici, né nelle centrali elettriche. Quello che si può fare sulla Terra è solo trasformare dei materiali (nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma) bruciandoli, cioè far reagire il carbonio presente nei combustibili con l’ossigeno dell’aria, ottenendo CO e CO2 e dell’energia termica, successivamente trasformabile a basso rendimento in energia elettrica.

Zero Waste Sicilia Meno incenerimenti, più lavoro


Comunicato
Meno incenerimenti, più lavoro

CSS all’EDIPOWER/A2A di S. Filippo del Mela 

L’Europa, l’Italia e la Sicilia non dispongono di materie prime sufficienti ad alimentare il loro sistema industriale. Le materie prime reperibili sul mercato internazionale scarseggeranno sempre più in futuro, sia come fatto assoluto (stiamo scriteriatamente saccheggiando il pianeta), sia perché i paesi emergenti (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa, ecc.) che dispongono di risorse punteranno ad usarle sempre più per il proprio sviluppo interno, esportandone sempre meno in futuro. E' pertanto strategico, in questo scenario, che la Sicilia si attrezzi per recuperare il massimo possibile di materie prime seconde (MPS) dai materiali post-consumo e quindi favorire il riciclo e il recupero di materia anziché avviare i rifiuti alla produzione di combustibili inquinanti. 

Concerto di Nuccio Scibilia al Green Park




Un autentico uragano Nuccio Scibilia che al Green Park ha tenuto un concerto che ha entusiasmato il pubblico. Una serata frizzante nella quale è venuta fuori l'arte e la passione del noto show men che assieme ai cantanti della Osa Production diretta da Nancy La Greca ha offerto i migliori brani del suo repertorio, emozionado i presenti quando all'inizio dello spettacolo si è esibito assieme al suo piccolo Nuccetto, interpretando una canzone dei Pooh.

Anche il poeta Gianni Amico ha voluto complimentarsi con la coppia di chitarristi, soprattutto con Nuccetto, figlio d'arte, che è destinato ad una carriera artistica ricca di soddisfazioni.

Alla fine del concerto Nuccio Scibilia per ricordare i suoi inizi ha trascinato tutti i presenti in pista per ballare le più belle canzoni di Antoine, Rino Gaetano e Renzo Arbore, dando appuntamento alla serata di sabato a Milazzo presso il ritrovo "Stella di Ponente".

lunedì 13 ottobre 2014

ANCHE "AMA CAMMINARE A MILAZZO" ALLA 1^ EDIZIONE EDUCARE ALLO SPORT




lunedì 13 ottobre 2014

I^ edizione EDUCAZIONE ALLO SPORT A MILAZZO 12.10.2014

- Domenica 12 ottobre 2014 – 3° edizione della Giornata Nazionale del Camminare e il 1°evento di sport all’aperto: EDUCAZIONE ALLO SPORT.
Trentatré società sportive per trenta discipline differenti.....la festa dello SPORT a Milazzo.

https://www.facebook.com/video.php?v=10202966637390312 

Pippo parla della manifestazione e della camminata.(foto di Marialuisa)

Si sono uniti a noi i camminatori di Messina (maglietta blu)

Prima della partenza parla anche la dott.ssa Di Geronimo e l'ideatore e programmatore della giornata Gianluca Venuti, che apre ufficialmente la giornata sportiva.



- ore 8.40 – Partenza... “Camminare insieme per la città di Milazzo” 

Sosta panoramica sotto il castello

-ore 10 - EDUCAZIONE ALLO SPORT “Parliamo di sport ed alimentazione” (tavola rotonda con la Dott.ssa Luciana Di Geronimo e la dott.ssa Graziella D'Andrea)

-ore 14.00/ 19. 00 – Marina Garibaldi - 1°evento di sport all’aperto: EDUCAZIONE ALLO SPORT “ Tutti insieme sotto il gazebo AMA”.

Foto del prof. Minniti... I nostri campioni del badminton

Il Prof. Minniti e la cara Cristina Faranda.

E qui una straordinaria esibizione di questi bellissimi ragazzi! (l’AIPD (associazione italiana persone down ) (foto di Luciano Calapristi‎)

Bravi ragazzi, avete creato una magnifica giornata sportiva, degna di una metropoli!

domenica 12 ottobre 2014

Riparte il Megafono da Sant'Alessio Siculo: a cura di Peppe Foti

Foto i Ragazzi del Megafono
Riparte quest'oggi domenica 12/10/2014 il nuovo Megafono di Rosario Crocetta dall'hotel Capo dei Greci di Sant'Alessio Siculo: un movimento composto da circoli-culturali ambientali sul modello PD di Matteo Renzi; un Megafono che si identifica come società civile. Esordisce così il presidente Rosario Crocetta: quando penso al Megafono, penso a dei circoli, dove si può stare se si è tesserati o meno ad un partito, se si è o meno tesserati al PD; un area culturale, sociale, politica, dove la politica va impostata come scelta di civiltà, come rispetto per gli altri, laboratorio di incontri e intese. Un movimento trasversale che possa elaborare i buoni propositi della società. Un fiume in piena il nostro presidente quando colora con ironia e rabbia gli illeciti radicati sul territorio regionale e le irresponsabilità consolidate nel tempo. Presenti illustrissimi esponenti rappresentativi: l'assessore al turismo Michela Stancheris, il coordinatore Massimo Finocchiaro, il senatore Peppe Lumia, l'assessore all'istruzione Nelli Scilabra, il dott. Giovanni Di Giacinto, il dott. Di Pasquale, il dott. Malafarina, il dott. Faraone etc. Presenti rappresentanti comunali e provinciali del Megafono; da Milazzo oltre il decano Peppino Codraro, i "Ragazzi del Megafono" con Peppe Foti, Stefano Lo Presti e Imbesi Franco.

Foto Franco Imbesi

Foto Franco Imbesi

sabato 11 ottobre 2014

"Il gelsomino una pianta da riscoprire "sabato 18 ottobre 2014 alle 18:00 e "Vincenzo Consolo lo scrittore alchimista " martedì 21 ottobre 2014 alle 18:00


Zero Waste Sicilia: gli interrogativi dopo incidente del serbatoio 513

L'incidente venerdì/sabato notte del 26 settembre u.s. alla Raffineria di Milazzo, tralasciando tutte le moltitudini di dichiarazioni a freddo e a caldo che si sono susseguite e si stanno leggendo sui vari network, tg, testate giornalistiche nazionali, reg.li e locali che rappresentano lo stato emozionale della gente ma, si aggiungono diversi tentativi di speculazione politica/ambientalista, nonché pre-elettorale (si tenga conto che tra un paio di mesi a Milazzo si vota per il rinnovo della carica di sindaco e del consiglio comunale).
Non vi è dubbio che l’evento verificatesi in un sito industriale - tra l’altro in presenza di una raffineria ed una centrale elettrica - i rischi di incidenti straordinari e rilevanti dovrebbero avere la “normale prevedibilità” e se, oltre modo, insediati in un territorio con una massiccia presenza di abitazioni civili, scuole, supermercati, attività commerciali, artigianali, centri sportivi e verde attrezzato tra ferrovie, autostrade, superstrade, strade statali, comunali, etc. i rischi e pericoli sono/devono essere seriamente preventivati con piani di evacuazione.
Già un paio di decenni fa un altro incidente di grandissime dimensioni (7 morti, diversi feriti gravi) sempre nella raffineria di Milazzo, squarciò le coscienze e lanciò un allarme chiaro ma che è stato tralasciato, dimenticato, sottovalutato dalla “politica” subito dopo qualche paio di mesi! 
Fermo restando le indagini della magistratura che individuerà eventuali responsabilità, oggi dobbiamo dare certezze a tutti i cittadini del Comprensorio di Milazzo e della Valle del Mela alle numerose manifestazioni di protesta che hanno caratterizzato il dopo incidente del serbatoio "513" compresi ed i circa 7000 persone: 
che hanno fatto sentire la loro massiccia presenza alla straordinaria manifestazione, svoltasi lo scorso sabato 4 ottobre 2014 ad Archi (San Filippo del Mela) a seguito del gravissimo incendio 
Una mobilitazione a favore dell’ambiente, della salute, del lavoro e della sicurezza; donne, bambini, anziani, intere famiglie, studenti, attrezzati con striscioni, cartelloni, bandiere, maschere antigas, fischietti, provenienti da tutti i comuni del comprensorio tirrenico, hanno letteralmente invaso la piazzetta di Archi sostenuti da un Uomo di fede cristiana come Padre Peppe Trifiró concetti che ha ribadito nel suo intervento. Una manifestazione pacifica, un enorme serpentone si è snodato per le vie di Archi e ha raggiunto l’ingresso della Raffineria.
Occorre agire subito sulla gestione del territorio in caso di incidenti rilevanti e/o di un altro malaugurato evento disastroso programmando un Piano di emergenza esterno comprensoriale. I Comuni non possono/devono più agire in maniera singola ed autonoma su materie di interesse collettivo e territoriale.
La presenza nel comprensorio tirrenico di industrie pesanti catalogate tra le categorie ad alto rischio ambientale e sanitario impone alle autorità sanitarie locali e regionali la presenza di una struttura sanitaria specializzata ed attrezzata per la gestione ordinaria e straordinaria in caso di grandi incidenti (incendi, scoppi, evaporazioni, inquinamento atmosferico, acustico, veicolare, marino, sottosuolo, etc.). 
Da oltre 40 anni i siti industriali del comprensorio milazzese hanno emesso e continuano ad emettere ed immettere nell’atmosfera sostanze inquinanti di vario tipo e, a tutt’oggi nonostante le norme vigenti in materia obbligano le aziende a comunicare tutti i dati giornalmente, non si ha la certezza di quanti e quali sostanze vengono immesse nell’atmosfera. Non è mai stata realizzata una rete di monitoraggio pubblica e da sempre è stata utilizzata la rete di proprietà dell’Enel (oggi Edipower/A2a). Vari studi medico/scientifici effettuati in tempi diversi hanno riportato danni alla salute dei cittadini (soprattutto ai bambini), ma poco si sa sull’ambiente atmosferico, marino, sulla fauna e flora, sul mare. 
Le associazioni ambientaliste, negli ultimi decenni hanno svolto un serio e costante lavoro per sensibilizzare e formare la cittadinanza sui rischi e pericoli derivanti dalle fonti di inquinamento; significativa è stata la battaglia contro la trasformazione a carbone della centrale ENEL di San Filippo del Mela, conclusasi con un referendum consultivo con il quale il 98% degli elettori si schierò contro l’utilizzo di tale combustibile solido. 
Le stesse OO. SS. (aziendali e di categoria) sono state protagoniste di stagioni e vertenze aziendali e comprensoriali mirate alla salvaguardia della salute dei lavoratori e dei cittadini. 
Oggi c’è il rischio di mettere lavoratori delle aziende contro i cittadini. 
. Occorre avere molta responsabilità ed evitare questa eventualità: siamo la stessa cosa, lottiamo per gli stessi obiettivi, per le stesse finalità. Dobbiamo tendere ad unire e non dividere le forze, le esperienze, le capacità, le conoscenze. 
Sosteniamo tutti AMBIENTE – SICUREZZA – SALUTE - LAVORO 

Egidio Maio – Zero Waste Sicilia

Seguici sulla Pagina facebook ufficiale dell'associazione Zero Waste Sicilia

Zero Waste Sicilia è un'associazione che nasce dalla volontà e dall'esigenza di fare emergere una metodologia etica e democratica di condivisione, per una corretta gestione dei Rifiuti Urbani, per una sana ecologia non solo dell'ambiente ma anche della mente dove le 7 R sono un must: riduzione, riprogettazione, riuso, riparazione, riciclo, responsabilità e rispetto.