lunedì 29 settembre 2014

Cosa dobbiamo sapere



SUL SITO DEL COMUNE DI MILAZZO

La scheda “shock": «La virgin nafta provoca il cancro e alterazioni genetiche ereditarie»

Lo stabilimento della Raffineria di Milazzo è annoverato fra le industrie “a rischio di incidente rilevante”. Secondo la guida Ram comunque “la probabilità che accadano incidenti in grado di interessare in qualche modo la popolazione residente nelle zone circostanti la raffineria risulta molto remota”
Lunedì, 29 settembre, 2014 - 11:17
Scritto da: Serena Sframeli
Categoria: milazzo e dintorni

Perché nessuno ci ha informati? Perché non ci dicono come dobbiamo comportarci?” Dalla notte dell’incendio al serbatoio 513 della Raffineria di Milazzo la popolazione della Valle del Mela e dei paesi limitrofi si interroga su come comportarsi in questi casi: tanta gente ha lasciato le proprie case nel cuore della notte vagando senza meta perché, in una situazione del genere, il panico e l’assenza di informazione l'hanno fatta da padrona.
 Sul sito del Comune di Milazzo la notte del 26 è venuta fuori una scheda di informazione alla popolazione sui rischi di incidente rilevante. La scheda è datata giugno 2011, amministrazione Pino, e riguarda le norme comportamentali da adottare in caso di incidente rilevante derivato dalla presenza della Raffineria di Milazzo.
Come si legge nella scheda, lo stabilimento della Raffineria di Milazzo S.C.p.A. è annoverato fra le industrie “a rischio di incidente rilevante” ai sensi del Decreto legislativo 17 agosto 1999, numero 334 e successive modifiche; infatti la natura e quantità delle sostanze impiegate nei processi produttivi potrebbero causare, in caso di eventi improvvisi (incendi, esplosioni, fughe di sostanze tossiche), danni alla popolazione e all’ambiente. Sulla scheda di informazione sui rischi di incidente rilevante per i cittadini ed i lavoratori la virgin nafta, - contenuta nel serbatoio 513, andato in fiamme nella notte tra venerdì e sabato - e le benzine sono classificate dalla stessa Ram, per quanto riguarda le principali caratteristiche di pericolosità, come “estremamente infiammabile, può provocare il cancro, alterazioni genetiche ereditarie, irritante per la pelle, possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati, tossico per gli organismi acquatici, nocivo ai polmoni in caso di ingestione e l’inalazione può provocare sonnolenza e vertigini”.
Eppure, sino ad oggi erano arrivate solo rassicurazioni sull’assenza di rischio della virgin nafta.
Secondo la guida Ram comunque “la probabilità che accadano incidenti in grado di interessare in qualche modo la popolazione residente nelle zone circostanti la raffineria risulta molto remota”.
Nelle diverse ipotesi e scenari considerati in caso di incidente, sembra che sia fumi tossici che perdite sono temporanei e circoscritti nelle aree della stessa Raffineria.
E le sirene che la popolazione aspettava di sentire? 
Sono presenti all’interno dello stabilimento per un allarme generale mentre per l’esterno “il personale preposto provvede ad allertare gli enti esterni quali Vigili del Fuoco, Polizia, Autorità”. Per quanto riguarda il comportamento da seguire in caso di incidente rilevante, tutto viene stabilito dall’autorità preposta all’attuazione del piano di emergenza esterno; la guida si rifà poi alle indicazioni generali riprese dalle “Linee guida per l’informazione alla popolazione nel rischio industriale”, emanate dal Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel marzo 1994.
Il vigente Piano di emergenza esterna predisposto dalla Prefettura in caso di incidente rilevante per la popolazione prevede: allarme della popolazione mediante sirene; sistema continuo di informazioni della popolazione mediante le emittenti radio TV locali; sistema continuo di informazione alla popolazione mediante comunicazioni telefoniche e automezzi dotati di altoparlanti; invio di squadre specialistiche per l’intervento sull’impianto in emergenza e la limitazione delle conseguenze; invio nella zona di apposite squadre di intervento per il controllo del traffico; invio nella zona di apposite squadre di soccorso per supporto ed informazione diretta alla popolazione interessata dall’incidente che forniranno ulteriori eventuali istruzioni di comportamento; evacuazione della popolazione verso gli appositi centri di raccolta; attivazione di apposite strutture medico sanitarie; predisposizione di apposite strutture logistiche per sopperire ad eventuali necessità della popolazione interessata all’incidente; attivazione di apposite strutture di monitoraggio dell’incidente. Nel caso venisse disposta la misura “di tenersi al riparo ed al chiuso, la popolazione, all’attivazione della sirena continua, o quando sia stato così espressamente disposto dall’autorità locale di protezione civile, dovrà cercare immediatamente riparo al chiuso, o cercare immediatamente riparo nella propria abitazione o nell’edificio più vicino, seguendo le istruzioni ricevute”.
La decisione sull’opportunità di procedere o no ad un’evacuazione è necessariamente basata su fattori specifici legati sia al sito che alle condizioni in cui si sviluppa lo scenario incidentale e per tanto non può essere rigidamente predeterminata in fase di pianificazione, bensì affidata secondo opportuni criteri al giudizio contingente del gestore dell’emergenza. Nella città di Milazzo ci sono poi diversi punti di raccolta: Piazza Chiesa San Pietro, Piazza Peppino Impastato, Piazzale Scuola Elementare Carrubaro; le aree devono essere raggiunte a piedi con le dovute precauzioni.

La guida è consultabile al seguente link:

Viste le continue richieste dei cittadini, il Comune di Milazzo questa mattina ha inviato una nota ribadendo che "è possibile ritirare presso l'Ufficio relazione col pubblico (Urp) del Comune (piano terra palazzo municipale) la scheda di informazione alla popolazione sui rischi di incidente rilevante derivato dalla presenza della Raffineria di Milazzo". "L'opuscolo- si legge nella nota- stampato nel mese di giugno del 2011 si trova da quella data presente in formato Pdf sul sito istituzionale del Comune, mentre la copia cartacea è stata consegnata sempre nel 2011, porta a porta a tutti gli abitanti delle zone a rischio, così come prevede la normativa vigente". 
Serena Sframeli





domenica 28 settembre 2014

CALCIO: Risultati , classifiche e prossimo turno della giornata calcistica 27 28 settembre 2014



SERIE D GIRONE I - 4^ Giornata - Ore 15:00
Akragas Città dei Templi - Comprensorio Montalto 0-0
Battipagliese - Progreditur Marcianise 1-3
Due Torri - Agropoli 0-2
Neapolis - Rende 3-1
Nerostellati Frattese - Orlandina 4-0
Noto - Leonfortese 0-0
Roccella - HinterReggio 1-3
Sorrento - Nuova Gioiese 2-3
Torrecuso - Tiger 1-0

Classifica
Torrecuso 10
Akragas Città dei Templi 7
Leonfortese 7
Nerostellati Frattese 7
Progreditur Marcianise 7
HinterReggio 7
Agropoli 6
Neapolis 6
Due Torri 5
Comprensorio Montalto 5
Nuova Gioiese 5
Roccella 4
Rende 4
Tiger 4
Battipagliese 3
Orlandina 3
Noto 3
Sorrento 3

Prossimo turno - 05/10/14
Agropoli - Neapolis
Akragas Città dei Templi - Due Torri
Comprensorio Montalto - Battipagliese
HinterReggio - Orlandina
Leonfortese - Sorrento
Nuova Gioiese - Roccella
Progreditur Marcianise - Torrecuso
Rende - Nerostellati Frattese
Tiger - Noto

ECCELLENZA GIRONE A - 4^ Giornata - Ore 15:30
Alcamo - Pro Favara 3-3
Atletico Campofranco - Sancataldese 1-0
Monreale - Dattilo Noir 1-5 giocata sabato
Paceco - Parmonval 0-2
Ribera '54 - Mussomeli 1-0
San Giovanni Gemini - Mazara 0-0
Serradifalco - Riviera Marmi Custonaci 0-1
Sport Club Marsala 1912 - Kamarat 3-2

Classifica
Riviera Marmi Custonaci 10
Mussomeli 9
Kamarat 9
Mazara 8
Parmonval 8
Dattilo Noir 7
Ribera '54 7
Sport Club Marsala 1912 6
Alcamo 5^
Sancataldese 4
Pro Favara 4
San Giovanni Gemini 4
Atletico Campofranco 4
Paceco 1
Serradifalco 0
Monreale 0
^Un punto di penalizzazione
Prossimo turno - 05/10/14
Dattilo Noir - Serradifalco
Mazara - Atletico Campofranco
Mussomeli - Kamarat
Parmonval - Monreale
Pro Favara - Paceco
Riviera Marmi Custonaci - Ribera '54
San Giovanni Gemini - Sport Club Marsala 1912
Sancataldese - Alcamo

ECCELLENZA GIRONE B - 4^ Giornata - Ore 15:30
Acireale - Igea Virtus Barcellona 0-0
Città di Rosolini - Taormina 0-2
Giarre Calcio - Castelbuonese 0-1
Misterbianco - Città di Siracusa 0-3 a tavolino
Modica - Catania San Pio X 1-0
Paternò 1908 - Città di Scordia 1-0
Sporting Viagrande - Città di Vittoria sospesa all'intervallo sullo 0-1 per infortunio all'arbitro
SS Milazzo 1937 - Città di Messina 2-1

Classifica
Igea Virtus Barcellona 10
Sportsoccer Milazzo 1937 10
Catania San Pio X 7
Città di Scordia 7
Città di Siracusa 7
Sporting Viagrande 6*
Città di Messina 6
Castelbuonese 6
Modica 6
Città di Vittoria 5*
Acireale 5
Giarre Calcio 4
Paternò 1908 4
Taormina 3^
Città di Rosolini 0
Misterbianco -1^
*Una partita in meno
^Un punto di penalizzazione

Prossimo turno - 05/10/14
Castelbuonese - Sporting Viagrande
Catania San Pio X - Misterbianco
Città di Messina - Giarre Calcio
Città di Scordia - Modica
Città di Siracusa - Acireale
Città di Vittoria - Taormina
Igea Virtus Barcellona - S.S. Milazzo 1937
Paternò 1908 - Città di Rosolini


PROMOZIONE GIRONE A - 4^ Giornata - Ore 15:30

Accademia Empedoclina - Raffadali 1-1
Audace Partinico Borgetto - Delfini Vergine Maria 1-2 giocata sabato
Castellammare Calcio 94 - Salemi 1-2
Favignana - Borgata Terrenove 1-1
Folgore Selinunte - Città di Carini 4-0
Libertas 2010 - Sciacca 2-1
Ligny Trapani - Casteltermini 2-1
Siculiana - Aragona 0-0

Classifica
Raffadali 9^
Folgore Selinunte 9
Borgata Terrenove 8^^
Libertas 2010 8
Delfini Vergine Maria 7
Ligny Trapani 7
Città di Carini 5
Favignana 5
Aragona 5
Casteltermini 4
Sciacca 4
Siculiana 4
Accademia Empedoclina 4
Salemi 3
Castellammare Calcio 94 1
Audace Partinico Borgetto 1
^Un punto di penalizzazione
^^Due punti di penalizzazione

Prossimo turno - 05/10/14
Aragona - Audace Partinico Borgetto
Borgata Terrenove - Libertas 2010
Castellammare Calcio 94 - Folgore Selinunte
Casteltermini - Città di Carini
Delfini Vergine Maria - Ligny Trapani
Raffadali - Favignana
Salemi - Accademia Empedoclina
Sciacca - Siculiana

PROMOZIONE GIRONE B - 4^ Giornata - Ore 15:30
Castelbuono - Città di Campofelice di Roccella 1-1
Ciappazzi - Città di Sant'Agata Militello 0-3 giocata sabato
Città di Mistretta - Montemaggiore 4-1 giocata sabato
L'Iniziativa - Cefalù 1-2
Real Calcio - C.U.S. Palermo 1-0
Rocca di Caprileone - Merì 0-0 ore 19:00
Santangiolese - Stefanese 2-3
Sinagra - Mamertina 0-0 giocata sabato

Classifica

Città di Mistretta 10
Cefalù 10
Rocca di Caprileone 9*
Mamertina 8
Merì 7*
L'Iniziativa 6
Città di Sant'Agata Militello 6
Real Calcio 6
Castelbuono 5
Stefanese 5
Città di Campofelice di Roccella 4
C.U.S. Palermo 3
Santangiolese 3
Sinagra 3
Ciappazzi 1
Montemaggiore 0
*Una partita in meno

Prossimo turno - 05/10/14
C.U.S. Palermo - L'Iniziativa
Cefalù - Città di Mistretta
Città di Campofelice di Roccella - Real Calcio
Città di Sant'Agata Militello - Mamertina
Merì - Santangiolese
Montemaggiore - Ciappazzi
Rocca di Caprileone - Sinagra
Stefanese - Castelbuono

PROMOZIONE GIRONE C - 4^ Giornata - Ore 15:30
Aci San Filippo - Pro Mende 4-3 giocata sabato
Città San Filippo del Mela - Real Aci 1-1 giocata sabato
Pistunina - Atletico Pedara 1-3
Randazzo - Jonica 0-2
San Gregorio - Troina 2-0 giocata sabato
Sporting Taormina - Forza Calcio Spadaforese 3-0 giocata sabato
Torregrotta - Città di Randazzo 1-1 giocata sabato
Trecastagni - Aci Sant'Antonio 1-0 giocata sabato

Classifica
Jonica 10
Atletico Pedara 10
Troina 7
Pro Mende 7
Sporting Taormina 7
Real Aci 6
Pistunina 5
Forza Calcio Spadaforese 5
Trecastagni 5
San Gregorio 5
Città di Randazzo 3
Torregrotta 3
Aci San Filippo 3
Randazzo 2
Aci Sant'Antonio 2
Città San Filippo del Mela 2

Prossimo turno - 05/10/14
Aci Sant'Antonio - Torregrotta
Atletico Pedara - Jonica
Città di Randazzo - Aci San Filippo
Forza Calcio Spadaforese - Trecastagni
Pro Mende - Città San Filippo del Mela
Real Aci - San Gregorio
Sporting Taormina - Randazzo
Troina - Pistunina

PROMOZIONE GIRONE D - 4^ Giornata - Ore 15:30
Atletico Gela - Sport Club Palazzolo 1-1
Belvedere Città Giardino - Ragusa 2014 1-1 giocata sabato
Città di Valverde - Santa Croce 0-7
Macchitella Gela - Sporting Priolo 2-4 giocata sabato
Pachino - Comiso 0-2
Sicula Leonzio - Gela 1-0
Sporting Battiati - Atletico Catania 1-2 giocata sabato
Riposa: Città di Catania

Classifica
Atletico Gela 10
Atletico Catania 9
Sporting Priolo 9
Sicula Leonzio 8^°
Gela 7
Ragusa 2014 7
Sport Club Palazzolo 7°
Città di Catania 6°
Santa Croce 6°
Comiso 6
Belvedere Città Giardino 4
Macchitella Gela 1
Pachino 0
Città di Valverde 0
Sporting Battiati 0
°Ha già osservato il turno di riposo
^Un punto di penalizzazione

Prossimo turno - 05/10/14
Atletico Catania - Sicula Leonzio
Comiso - Belvedere Città Giardino
Gela - Città di Catania
Ragusa 2014 - Macchitella Gela
Santa Croce - Atletico Gela
Sport Club Palazzolo - Pachino
Sporting Priolo - Sporting Battiati
Riposa: Città di Valverde

Disastro ambientale o sociale di Nicolò Schepis


 
Esistono due tipologie di disastri, il primo è più semplice evidenziarlo (disastro ambientale), il secondo è più subdolo, si tratta della morte della coscienza collettiva, ma anche individuale. Le due istanze sono profondamente correlate, l’una implica la seconda e la seconda implica la prima.i trovarci d’innanzi alla prepotenza, alla scorrettezza imperante, all’ arroganza, alla cattiveria, al narcisismo prevaricante. 
Ci accorgiamo di una totale ossessività del corpo, di un femminile oggettuale mercificato, di un maschile grezzo, violento, insostenibile ed assurdo.
Vediamo un’orda giovanile perduta, ossessionata da una bellezza fatiscente, omologata, priva di valori, di significati, sempre più altera, negletta, sprezzante, direi insostenibile. Facciamo un passo indietro ed andiamo nelle scuole primarie e nelle prime classi delle secondarie di primo grado, ci accorgiamo subito di tanti bambini con i loro problemi, ma disposti ad ascoltare, a recepire, a seguire. Strano, sembra una contraddizione in itinere, ma c’è da chiedersi perché si trasformeranno presto in una realtà disgustosa? Perché, perchè, perchè sono educati da noi adulti a trasformarsi in fotocopie, condannati a morire, siamo noi che li obblighiamo a spegnersi attraverso la nostra differenza, stupidità, insolenza ed inezia.
Diversi imbecilli rideranno delle mie parole, ma sogghignano perché il loro livello di presunzione, di arroganza e di narcisismo patologico non gli permette di leggere con attenzione queste mie parole.
I nostri giovani si perdono progressivamente, diventano repentinamente dipendenti dai video, dai pensieri più sciatti e insulsi, dalle frasi ripetitive della chat, dall’alcol e dalla cannabis, sino a farsi regalare dai loro genitori oltre i soliti oggetti feticci ( oggetti che sostituiscono la relazione filiale) i interventi di chirurgia estetica, alcuni si ammalano di anoressia, altri diventano bordeline ( nevrosi marginale di confine con la psicosi).

Buona parte di loro presenta un livello di ansia alto, un livello di attenzione problematico, difficoltà di autoregolare i comportamenti, impulsività e compulsività dipendente.

Lo sapete che in Italia, in questo squallido paese, una donna ogni quattro giorni viene uccisa da un uomo? Non facciamo moda del femminicidio o peggio spettacolo, non riempiamoci la bocca, ma cerchiamo di capire perché? 
Domandiamoci perché si sono fottute le relazioni umane. Poniamoci questa domanda.
Molti uomini che restano apparentemente indignati da questi eventi sono i primi che quando vedono una donna per strada abbastanza carina dicono: "guarda che pezzo di f …." Come potete constatare considerano la donna come un oggetto da vetrina o peggio ancora un oggetto di piacere. Ma anche molte donne assumono ruoli di questo tipo, pensano tanto al loro corpo che si dimenticano persino dei loro figli.
Mi rivolgo alle minoranze, non ai prevaricatori aggressivi o ai narcisisti patologici, ma alle persone umili; rendiamoci conto che stiamo vivendo un disastro sociale senza limite. In questa pagina dove tutto è un gioco, dove tutto scorre e si bagna di nulla o quasi, non è semplice scrivere seriamente. 
Mi piacerebbe vedere o assistere ad una notte bianca diversa, una notte bianca non finanziata dalla raffineria, né la vera notte bianca di Milazzo, quella della raffineria, ma una notte bianca dove nelle prime ore i bambini riempiono le piazze insieme ad educatori volontari i quali raccontano delle fiabe, ed i bambini costruiscono dei mosaici, cantano filastrocche e canzoni d’autore. E dopo narratori, attori di teatro, gente che legge poesie per le strade, che racconta, gente che dipinge, violinisti arpisti vicini alla gente. Ma in questa notte bianca non ci sarebbe quasi nessuno, perché non c’è più un popolo, ma un ammasso sciapo di persone, perché buona parte della gente ama solo la melma.

PROMOZIONE/GIRONE C – QUARTA GIORNATA SAN GREGORIO – TROINA: 2-0 Prima vittoria in campionato per il San Gregorio

Foto dell'esultanza di Pandolfo e Rundo, autori dei due goal che hanno regalato il successo ai gialloblu.

COMUNICATO STAMPA
Pandolfo e Capitan Rundo firmano il 2-0 contro il Troina
Arriva la tanto attesa prima vittoria in campionato per il San Gregorio, che batte il Troina con un secco 2-0 conquistato nella quarta giornata del Campionato di Promozione/Gir. C.
Si sbloccano quindi i gialloblu guidati dal duo Proto-Maugeri, che hanno portato a casa un meritatissimo successo al termine di un match controllato dall’inizio alla fine e che è stato giocato tra le mura amiche del Comunale di San Gregorio (CT)

sabato 27 settembre 2014

Incendio alla raffineria, Marano chiede l’intervento della magistratura



Incendio alla raffineria, Marano chiede l’intervento della magistratura
Autore: redazione. Pubblicato il 27 settembre 2014. Inserito in Attualità, Provincia.
Fonte 24live.it



Giuseppe Marano, portavoce provinciale dei Verdi, da sempre impegnato nella battaglia contro l’inquinamento ambientale prodotto dalla Raffineria, chiede attraverso il suo profilo Facebook l’intervento della magistratura: ”Si chiuda gli impianti della raffineria, si ritiri le autorizzazioni e si faccia chiarezza su eventuali omissioni, violazioni di legge e concessioni edilizie rilasciate dal comune di Milazzo negli ultimi anni. L’Amministrazione comunale nel corso del tempo si deve ritenere co-responsabile di questo disastro ambientale, che segue quanto accaduto il 22 novembre del 2011, data in cui sono stati sversati quintali di idrocarburi in mare. Una popolazione inerme sta subendo le scelte di una politica connivente con l industria. Non esistono i piani di emergenza esterni e la gente e’ scappata senza nessun avviso. Adesso la magistratura deve intervenire con urgenza e chiudere gli impianti. Devono effettuare un provvedimento di urgenza e ritirare le Autorizzazioni AIA”.

In un successivo comunicato la Federazione dei Verdi di Milazzo Messina ha annunciato entro pochi giorni la presentazione di una denuncia querela collettiva alla Procura di Barcellona.


Dichiarazione dell' associazione ADASC sull' incendio avvenuto alla Raffineria di Milazzo, pronti alla mobilitazione





F.to Associazione per la Difesa dell'Ambiente e della Salute dei Cittadini "A.D.A.S.C."
Coordinamento Ambientale Milazzo Valle del Mela

Dichiarazione dell' associazione ADASC sull' incendio avvenuto alla Raffineria di Milazzo: "Alle 18 circa abbiamo segnalato presenza di odori molesti zona Archi successivamente sono stati invasi anche i comuni di Pace del Mela e San Pier Niceto. Richiesto l'intervento di Arpa Messina. Alle 00.40 l'inferno un devastante incendio. Non è il momento di polemiche faremo il bilancio della situazione al termine del disastro ambientale. La gente è preoccupata, allarmata! è fuggita da casa. Quale sarà l'impatto sanitario prodotta dalla nube? L'associazione intraprenderá le opportune azioni anche legali. Apprendiamo con piacere che nessun dipendente è stato coinvolto".

venerdì 26 settembre 2014

AGGIORNAMENTO RAFFINERIA ORE 8:00


Continua a bruciare la benzina all'interno del serbatoio 513, e continua senza sosta il monitoraggio da parte degli organi competenti, al fine di avere un quadro della situazione sempre sotto controllo. La scia di fumi che incombe sulla penisola oltre ad offrire uno scenario apocalittico, allerta anche l'azienda ospedaliera , che fortunatamente ancora non ha registrato ricoveri importanti.  Il dramma condiviso nella nottata dai cittadini Milazzesi offre sicuramente l'opportunità di una presa di coscienza e l'invito ad analizzare le condizioni attuali. I fumi che nel futuro immediato andremo a  respirare saranno nocivi per la nostra salute e per quelli dei nostri figli. Sono molti i temi da affrontare  e le problematiche da risolvere, ma il buon senso e la responsabilità dovranno essere ingredienti indispensabili per chiudere questa stagione.


Situazione sotto controllo non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione, tempi lunghi per lo spegnimento dell’incendio a causa della notevole presenza di combustibile nel serbatoio. La R.A.M. conferma che non si registrano feriti





SEGUONO AGGIORNAMENTI
Terribile incendio alla Raffineria di Milazzo. NOTIZIE IN AGGIORNAMENTO (Fotogallery) Fonte laprovinciadimessina.it
Sabato, 27 Settembre 2014 01:50 Scritto da REDAZIONE
Momenti di paura della popolazione Milazzese sopratutto della zona della Piana a causa di un violento incendio sprigionatosi presumibilmente in un serbatoio interno alla Raffineria. Numerose le persone che hanno abbandonato le loro abitazioni temendo il peggio. "Preso a fuoco un grosso serbatoio lato di Corriolo - ci aggiornano - è un serbatoio di benzina molto volatile, non si spegne in tempi brevi, delimitata la zona per cercare di evitare che si espanda; presenti i Vigili del Fuoco della R.A.M.".






AGGIORNAMENTO ALLE 3: Situazione sotto controllo non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione, tempi lunghi per lo spegnimento dell’incendio a causa della notevole presenza di combustibile nel serbatoio. La R.A.M. conferma che non si registrano feriti



IL COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI MILAZZO:
Un violentissimo incendio si è sviluppato intorno all'una all'interno della Raffineria. Le fiamme si sarebbero sviluppate - secondo quanto emerso sino a questo momento - all'interno del parco serbatoi interessando un serbatoio, a quanto pare il 516.Immediato l'intervento della locale squadra antincendio e dei vigili del fuoco di Milazzo e di Messina, ma sino a questo momento - sono le 2 - il rogo non è stato domato. Diverse persone si sono riversate in strada temendo il rischio esplosioni. Al Comune si è immediatamente insediato il Coc - Centro operativo comunale). E' presente il sindaco Pino assieme all'assessore all'Ambiente, Gitto. Continuo il contatto con la prefettura di Messina.
AGGIORNAMENTO ALLE 2.40 UFFICIO STAMPA COMUNE MILAZZO:
Un incendio si è sviluppato intorno all'una all'interno della Raffineria. Le fiamme si sarebbero sviluppate - secondo quanto emerso sino a questo momento - all'interno del parco serbatoi interessando un serbatoio, il 513. Immediato l'intervento della locale squadra antincendio e dei vigili del fuoco di Milazzo e di Messina, ma sino a questo momento - sono le 2 - il rogo non è stato domato. Occorre attendere che si consumi il prodotto presente all’interno del serbatoio
Diverse persone si sono riversate in strada temendo il rischio esplosioni. Al Comune si è immediatamente insediato il Coc - Centro operativo comunale). E' presente il sindaco Pino assieme agli assessori Midili, Romagnolo e Gitto, il dirigente responsabile della Protezione Civile, il comandante dei vigili urbani e funzionari comunali. Presenti i vertici delle forze dell'ordine: il dirigente del Commissario di Ps, il comandante della Compagnia dei Carabinieri e il comandante della Guardia di Finanza. Continuo il contatto con la prefettura di Messina.
Dalle ultime informazioni assunte alla Prefettura e presso la Raffineria è emerso che la situazione non è allarmante e che non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione.
Si raccomanda pertanto di non abbandonare le proprie abitazioni anche al fine di non determinare flussi di traffico con possibili intasamento delle strade interessate dall’intervento dei mezzi di soccorso. In atto – sono le 2,30 non si registrerebbero feriti.

AGGIORNAMENTO ALLE 3 UFFICIO STAMPA COMUNE DI MILAZZO:
Alle ore 3,00 pervengono ulteriori notizie dalla Prefettura. Si ha la conferma che la situazione è sotto controllo, che non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione. I tempi di spegnimento dell’incendio non saranno brevissimi vista la notevole presenza di combustibile nel serbatoio.La Raffineria conferma che non si registrano feriti.
AGGIORNAMENTO ALLe 3.40 UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI MILAZZO: Proseguono le operazioni di raffreddamento del serbatoio 513 avente una capienza di 500 mila litri di benzina. Proprio la notevole quantità di greggio già raffinata sta prolungando i tempi di spegnimento. Si dovrà infatti attendere che l’incendio vada ad esaurimento. La Prefettura ha comunicato che la situazione resta sotto controllo ed ha confermato che non si registrano feriti. Si ribadisce così come già comunicato nel precedente aggiornamento che non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione. Al Comune permane l’insediamento del nucleo di Protezione civile che continuerà ad aggiornare la cittadinanza.
Aggiornamenti ore 4.30: Tempi lunghi per lo spegnimento , i fumi causati dall' incendio nella Raffineria rendono l'aria irrespirabile sia a Milazzo che nella Valle del Mela, numerose le segnalazioni da parte dei residenti della zona.
AGGIORNAMENTO ore 4.35- Protezione Civile Santa Lucia del Mela:
Attivata da diverese ore la sala operativa 090.935046.
All'interno della sede in atto accolti numerosi cittadini provenienti dai paesi limitrofi.
Sentito il dirigente ing. Manfrè del Dipartimento Regionale di Protezione civile - servizio di Messina- e la Prefettura di Messina, si comunica che la situazione è sotto controllo e l'incendio è limitato all'interno della struttura.
Nessun pericolo imminente per la popolazione. relativamente al territorio di Santa Lucia del Mela si invitano i cittadini a mantenere la calma ed a stare chiusi in casa soprattutto a causa dei fumi che provengono.
AGGIORNAMENTI ore 4.40:
Confermato che non esiste nessun pericolo diretto per la popolazione, L'allarme evacuazione è riferito all'interno della raffineria non all'esterno.
AGGIORNAMENTI ALLE 4.45 UFFICIO STAMPA COMUNE DI MILAZZO:
Restano alte le fiamme all’interno del parco serbatoi della Raffineria, ubicato in territorio di San Filippo del Mela e comunque – come verificato dai tecnici – lontano dagli altri impianti dell’azienda petrolifera. Le diverse squadre dei vigili del fuoco di Milazzo e di Messina stanno proseguendo l’attività avviata nell’immediatezza dell’incendio assieme alla squadra antincendio interna della Ram. La notevole quantità di benzina contenuta nel serbatoio non agevola però le operazioni di spegnimento e in atto quindi non è possibile prevedere i tempi di conclusione delle operazioni.
Il Centro operativo comunale (C.O.C.) che sta operando sin dal momento in cui si è verificato l’evento e che è in costante contatto con la Prefettura ha anche accertato che nessuna prestazione è stata richiesta al pronto soccorso dell’ospedale di Milazzo, quale conseguenza di quanto accaduto o per patologie connesse (problemi respiratori o altro).
Si comunica altresì - come riferito in precedenza dalla Prefettura - che nonostante il persistere dell’incendio, non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione.
Al Comune permane l’insediamento del nucleo di Protezione civile che continuerà ad aggiornare la cittadinanza.



Il sindaco Carmelo Pino ha comunicato che saranno regolarmente aperte le scuole a Milazzo

AGGIORNAMENTO DELLE 4,45 Restano alte le fiamme all’interno del parco serbatoi della Raffineria

AGGIORNAMENTO DELLE 4,45

Restano alte le fiamme all’interno del parco serbatoi della Raffineria, ubicato in territorio di San Filippo del Mela e comunque – come verificato dai tecnici – lontano dagli altri impianti dell’azienda petrolifera. Le diverse squadre dei vigili del fuoco di Milazzo e di Messina stanno proseguendo l’attività avviata nell’immediatezza dell’incendio assieme alla squadra antincendio interna della Ram. 
La notevole quantità di benzina contenuta nel serbatoio non agevola però le operazioni di spegnimento e in atto quindi non è possibile prevedere i tempi di conclusione delle operazioni.
Il Centro operativo comunale (C.O.C.) che sta operando sin dal momento in cui si è verificato l’evento e che è in costante contatto con la Prefettura ha anche accertato che nessuna prestazione è stata richiesta al pronto soccorso dell’ospedale di Milazzo, quale conseguenza di quanto accaduto o per patologie connesse (problemi respiratori o altro).
Si comunica altresì - come riferito in precedenza dalla Prefettura - che nonostante il persistere dell’incendio, non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione.
Al Comune permane l’insediamento del nucleo di Protezione civile che continuerà ad aggiornare la cittadinanza.

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI 

Aggiornamento delle 3,40 incendio Raffineria

sabato 27 settembre 2014


Aggiornamento delle 3,40 incendio Raffineria


AGGIORNAMENTO DELLE 3,40


Proseguono le operazioni di raffreddamento del serbatoio 513 avente una capienza di 500 mila litri di benzina. Proprio la notevole quantità di greggio già raffinata sta prolungando i tempi di spegnimento.
Si dovrà infatti attendere che l’incendio vada ad esaurimento. La Prefettura ha comunicato che la situazione resta sotto controllo ed ha confermato che non si registrano feriti. Si ribadisce così come già comunicato nel precedente aggiornamento che non ricorrono i presupposti per l’evacuazione della popolazione. Al Comune permane l’insediamento del nucleo di Protezione civile che continuerà ad aggiornare la cittadinanza.


SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI 

Pubblicato da COMUNE MILAZZO a 03:51:00


AGGIORNAMENTO ORE 3:00 RAFFINERIA

Al momento non si registrano feriti; la situazione pur restando grave non ha richiesto lo stato di evacuazione. I tempi per lo spegnimento delle fiamme non saranno brevi, visto il quantitativo di kerosene presente nel serbatoio. Speriamo che la situazione si normalizzi al più presto.

foto Peppe Foti

RAFFINERIA IN FIAMME

foto Jerry La Galia
Massima allerta alla raffineria di Milazzo, dove un incendio di dimensioni spaventose sta intimorendo la penisola mamertina e i paesi vicini. Complice dell'evento dalle prime verifiche un vecchio serbatoio (sembra il 516) sito ai confini con Edipower. Malgrado la minaccia delle fiamme, si invita la popolazione a mantenere la calma, perchè non è stato predisposto lo stato di evacuazione e si sta cercando di circonscrivere l'incendio e aspettare l'esaurimento del combustibile presente nel serbatoio. Già operativi i vigili del fuoco di Milazzo, Messina e Barcellona, e costante l'apporto di monitoraggio da parte degli organi predisposti.  Quello che sta accadendo è gravissimo Confidiamo in Dio.

UNIME: MASTER IN EURO PROGETTAZIONE


      MASTER IN 
                        EURO PROGETTAZIONE


Cosa propone il Master
Il Master in € Progettazione per lo sviluppo della area euromediterranea risponde alla crescente richiesta del mercato del lavoro di formare professionalità  capaci di intercettare risorse finanziarie aggiuntive a favore di soggetti pubblici e privati  e sostenere progettualità  complesse. Finalità  del percorso formativo a consentire ai partecipanti di acquisire le competenze necessarie ad identificare idee progettuali pertinenti e formulare progetti sostenibili coerenti con le opportunità  di finanziamento offerte dalle politiche di intervento comunitario, con particolare attenzione a quelle inerenti i Paesi della sponda Nord del Mediterraneo. Il Master intende, pertanto, formare professionalità  capaci di conoscere ed utilizzare la metodologia della progettazione e della pianificazione degli interventi nell'ambito delle opportunità  offerte a livello nazionale, regionale e comunitario dalle risorse finanziarie dell' Unione, con particolare attenzione ai programmi rivolti allo sviluppo del bacino del Mediterraneo, nell' ambito della Politica europea per il Mediterraneo (PEM).
Organizzazione del Master
Comitato Tecnico Scientifico
Prof. Dario Caroniti, Direttore Scientifico del Master e Presidente del Centro Orientamento e Placement dell' Università  di Messina
Prof. Adele Marino,  Docente presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Storia delle Istituzioni
Prof. Augusto D' Amico, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative
Prof. Giovanni Moschella, Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche e Storia delle Istituzioni
Dott.ssa Maria Muscolo, Responsabile Servizi Specialistici accompagnamento al lavoro Job Placement del C.A.R.E.C.I.  UNIME
Dott. Fabrizio Vigorita, Direttore Banca Antonello da Messina
Interverranno in qualità  di Docenti del Master docenti di chiara fama nazionale ed internazionale, sia nel settore della progettazione europea che delle ONG (Organizzazioni Non Governative).
Durata ed articolazione del Master
Il Master prevede 400 ore di didattica in aula e 700 ore di formazione in impresa, oltre 400 ore di lavoro individuale, da svolgersi nel periodo ottobre 2014 a giugno 2015. Le lezioni si svolgeranno con frequenza settimanale, secondo un calendario comunicato all' inizio dell' attività formativa
.
Per info scrivere a  jobplacement@unime.it oppure visita il sito http://www.unime.it/job_placement/_news           

Leggi su: www.dariocaroniti.it

Domenica Furnari











                                                           CALENDARIO DELLE LEZIONI
                                 Le lezioni di questa edizione (n. 93) della Scuola, la settima a Messina,
                                                si terranno, dalle ore 17.00 alle ore 19.00,
                                    nell’Aula Magna della ex Facoltà di Economia in via dei Verdi 75 –   
Lunedì 29 settembre     - Gaetano SILVESTRI: La separazione dei poteri garanzia di libertà


Venerdì 3 ottobre          - Pietro NAVARRA - Sebastiano BAVETTA: Il vantaggio della libertà

Lunedì 6 ottobre            - Giuseppe GIORDANO: Prigogine e il liberalismo come sistema aperto

venerdì 10 ottobre          - Luisella BATTAGLIA: Un approccio liberale alla bioetica

Lunedì 13 ottobre           - Santino TROVATO, Liberalismo e rispetto del territorio

Venerdì 17 ottobre          - Francesco TRIMARCHI: Libertà del medico, libertà del paziente?

Lunedì 20 ottobre           - Dino COFRANCESCO: Il mito delle autonomie locali

Venerdì 24 ottobre          - Ernesto PAOLOZZI: Liberalismo e Meridionalismo

Lunedì 27 ottobre            - Enzo PALUMBO: Legge elettorale, tra rappresentanza  e governabilità   

Venerdì 31 ottobre           - Girolamo COTRONEO: Liberalismo e democrazia: una storia finita?

Lunedì 3 novembre          - Dario CARONITI: Federalismo americano e federalismo italiano

Venerdì 7 novembre         - Franco PURINI, Architettura e libertà di espressione

Lunedì 10 novembre         - Alberto MINGARDI, Perché gli intellettuali odiano il mercato

Venerdì 14 novembre        - Antonio SAITTA: Democrazia del WEB

Lunedì 17 novembre         - Francesco VERMIGLIO, Il no-profit: problemi e prospettive

Venerdì 21 novembre       - Pippo RAO: Libertà della scuola, scuola di libertà

Lunedì 24 novembre         - Paolo BONETTI: Il liberalismo di sinistra in Italia, da Gobetti a Bobbio

Lunedì 1 dicembre            - Stefano FOLLI: Comunicazione e libertà (a questa lezione seguiranno l’assegnazione delle borse-premio e la distribuzione degli attestati di frequenza)
(scadenza dell’inoltro delle tesine in formato elettronico all’indirizzo scuoladiliberalismo@teletu.it )
Leggi su: www.dariocaroniti.it
Domenica Furnari



                 

Campionato d'eccellenza girone B: Il tecnico del Modica compone la griglia delle aspiranti grandi Pure Filicetti promuove il Siracusa. «Anche il Milazzo è competitivo, ma prevedo il massimo equilibrio»




i

Pure Filicetti promuove il Siracusa. «Anche il Milazzo è competitivo, ma prevedo il massimo equilibrio»

«Scordia e Vittoria tra le outsiders»
Sono state quattro, all'esordio del campionato di Eccellenza, le vittorie in trasferta e tutte di un certo rilievo. Il risultato più sorprendente, ma fino ad un certo punto, l'ha fatto registrare lo Scordia a Siracusa, mentre il Modica ha vinto contro il Città di Messina, il Giarre s'è imposto sul Viagrande e il Milazzo a Taormina. A Siracusa la novità del ritorno del digì Alfredo Finocchiaro. Con l'allenatore-giocatore del Modica Gianluca Filicetti, per la seconda stagione alla guida della squadra della Contea, analizziamo il successo ottenuto sulla formazione peloritana, ma anche quello che potrà esprimere il campionato alla luce di quanto avvenuto in questo primo scorcio di stagione.
«La nostra vittoria - afferma Filicetti, ormai tecnico abilitato - pur meritata non è stata una passeggiata, ma anzi è stata abbastanza sofferta. Abbiamo creato diverse occasioni da gol contro una squadra molto giovane e veloce, ma non l'abbiamo chiusa. Dovremo cercare più avanti di essere più cinici sotto porta per evitare di restare con un mucchio di mosche in mano».

VIGILIA DI SAN GREGORIO – TROINA PROMOZIONE/GIRONE C – QUARTA GIORNATA


















COMUNICATO STAMPA


Vigilia di San Gregorio ospita il Troina al Comunale
Grande fiducia nel gruppo da parte del Presidente Rizzo

Sabato 27 settembre 2014 ore 15:00
Comunale di San Gregorio (CT)

Il San Gregorio si prepara a tornare in campo e lavora con la massima attenzione per dare una svolta alla propria stagione.
In settimana si è lavorato con grande dedizione, con la consapevolezza che il cammino intrapreso è quello giusto e che finora il primo acuto stagionale è mancato solo per un mix di sfortuna e inesperienza, che però non cancellano le qualità degli elementi a disposizione.

Da registrare l’arrivo nello staff tecnico di Salvo Proto, che affiancherà così Mister Giuseppe Maugeri alla guida della squadra gialloblu.
Domani, sabato 27 settembre 2014 alle ore 15:00, arriva quindi un nuovo impegno, che vedrà il San Gregorio in campo contro il Troina nella quarta giornata del Campionato di Promozione/Gir.C.
Il match si giocherà tra le mura amiche del Comunale di San Gregorio e quindi i giocatori gialloblu potranno contare sul sostegno dei propri tifosi, rafforzato anche dalle dichiarazioni rilasciate alla vigilia del match dal numero uno della società gialloblu: “Voglio che la squadra sappia che mi sento molto vicino a tutti coloro che la compongono – ha detto il Presidente Giuseppe Rizzo – , perché vedo che si sta portando avanti un lavoro eccellente e per questo non abbiamo nulla da rimproverarci. Sono sicuro che presto raccoglieremo i frutti di quanto stiamo seminando e che prima o poi ci sbloccheremo, conquistando la prima vittoria. Credo e spero che ciò possa accadere già questo sabato, ma a prescindere da ciò continuo ad avere grandissima fiducia in questo gruppo. Mister Maugeri e il suo staff stanno lavorando davvero benissimo, la squadra è composta da ottimi giocatori e quindi, se avremo fiducia in noi stessi e in ciò che stiamo facendo, troveremo la strada che meritiamo di percorrere e che stiamo cercando con la massima serenità”.
San Gregorio di Catania, 26 settembre 2014

   
Responsabile Ufficio Stampa: Antonio Costa
333/3056351


Prossimi appuntamenti di AMA - Milazzo


Pippo Geraci


Prossimi appuntamenti di AMA : - (Camminare in ottobre fa bene al corpo e alla mente) - Programma dal 29 settembre al 12 ottobre 2014.
- Martedì' 30 settembre ore 19,00 - “Camminata "accu ccè ccè" . Partenza chiesa di S. Giacomo.Walker leader Dino .

- Giovedì 2 ottobre ore 19,00 - “Camminata "accu ccè ccè" . Partenza chiesa di S. Giacomo. Walker leader Enzo Gitto.

- Domenica 5 ottobre ore 8.00 - giro della panoramica di 5 o 10 km. Partenza chiesa di S. Giacomo. Walker leader Pippo Geraci.

- Venerdì 10 ottobre ore 19,00
 - “Camminata "accu ccè ccè" . Partenza chiesa di S. Giacomo. Walker leader Enzo Gitto.

- Domenica 12 ottobre 2014 – 3° edizione della Giornata Nazionale del Camminare e il 1°evento di sport all’aperto: EDUCAZIONE ALLO SPORT.
- ore 8.30 – “Camminare insieme per la città di Milazzo” - Partenza chiesa di S. Giacomo. Walker leader Pippo Geraci.
-ore 10.00 – Marina Garibaldi -1°evento di sport all’aperto: EDUCAZIONE ALLO SPORT “Parliamo di sport ed alimentazione” (tavola rotonda sotto il gazebo AMA con la Dott.ssa Luciana Di Geronimo).
-ore 14.00/ 19. 00 – Marina Garibaldi - 1°evento di sport all’aperto: EDUCAZIONE ALLO SPORT “ Tutti insieme sotto il gazebo AMA.

AVVISO :dal 29 settembre 2014 inizio corsi di ginnastica dolce e antalgica(dott. Davide Di Salvo).
-Lunedì e mercoledì - dalle ore 17.30 alle ore 18.30 Palestra ITT E. Majorana Milazzo
-Martedì e giovedì - dalle ore 9.00 alle ore 10.00 Palestra comunale via Valverde.
 SONO APERTE LE ISCRIZIONI.
Informazioni : Marialuisa Ghilardi - tel. 3207231597

giovedì 25 settembre 2014

" Il mio rapporto con la città" di Francesco Currò

                                                             Francesco Currò  



                                                       Il mio rapporto con la città


C'è tra di noi un accordo di complicità! Io la vivo intensamente, lei mi entusiasma con il suo amore che mi permea, come avevo da sempre sperato.

Mi racconta di se dai suoi primi albori, mentre la visito spaziando con la mente i luoghi che a lei sono familiari.
Lei, ora depositaria dei miei ricordi, è come una bambina saltellante, e gioiosa, che rincorre nei campi, le farfalle di fiore in fiore,

Le sue piazze, le sue vie, i suoi corsi, le sue spiagge... Sono spazi dove si diverte a giocare; i suoi palazzi, i suoi monti verdi...Le sue dimore; il suo mare luminoso e chiaro, la vastità del suo splendore!!!

" Vista con i miei occhi, Trieste" - di (Francesco Currò)





"Vista con i miei occhi, Trieste "

Tetti spillati da camini, sparsi, su palazzi che si assolano come sopiti. Gabbiani che sorvolano i cieli, planano l'aria, stridono...colombi che tubano,

Alberi verdi multiformi, adornano come fossero monili, piazze, e vie, e borghi, imbellettandoli.

Palazzi antichi, abbelliti da sculture classiche, disegnate ad arte da abili architetti. . Cielo ingrigito da nuvole minacciose, procrastinano per cordiale cortesia.

Impazza la bora, sballottando ogni cosa che incontra, scatenando l'inferno annunciato, su una città atterrita, che non reagisce nemmeno, e si lascia andare: alla forza brutale del vento, che cresce momento per momento di intensità.

Un mare....minaccioso, e a volte calmo: Lo si può udire mormorare nella quiete della notte, quando la città dorme e la bora riposa... dietro i monti del Carso



Ho visto…di Francesco Currò



15 ottobre 2013 1
                               Ho visto…

Un mare di genti rovesciarsi nel centro e sui moli. E tendoni bianchi allestiti con musica sulla via maestra. Un via vai di genti… allegra, concedersi svago. E ancora lupi di mare su … su barche a vela padroneggiar le onde. “Destrieri naviganti a cavalcar …la schiuma”

Trieste giuliva sorridere e ringraziare, contenta e la sua calorosa ospitalità… dare ai dimoranti viaggiatori, accorsi come ogn’anno. “La Barcolana” Il mare ed il cielo si riflettono, Cangiando dei loro colori… la luce.

La bora mostrarsi amica, l’aria sfreddarsi. Delle giornate rapite al mese, il caldo protrarsi d’un clima temperato.

"Sera di giugno" di Francesco Currò



Francesco Currò 11 giugno 2014

Ormai sappiamo come sono andati per noi l'edizione 2014 del  Campionato Mondiale 
eccovi una mia chicca!


Sera di giugno


Stasera... la luna, si copre di un alone biancastro.
 Le nuvole a lei vicine, d'un tratto...la rincorrono come per calciarla.

Lei, driblando le loro mosse, con una tattica strategica li elude, poi s'accende, rischiara di luce il cielo e le dirada;

quindi va dritta verso la porta immaginaria, del giorno e ... tra i pali...svanisce nella rete all' orizzonte e fa: goal!





Francesco Currò www.youtube.com 



"Ode a Trieste" di Francesco Currò





Ode a Trieste

Luci viola al tramonto, all'orizzonte il ciel si imbruna, sfondo bianco raso, rosso fuoco, di Trieste capeggia sul colle San Giusto. 
Dal castello cinto di verdi chiome, a rimirar dall'alto arbusti sentinelle, del roseo litorale, dimora antica.
Triestini orgoglio e speme altero amore da madre ai figli, pietre miliari, nei secoli pregnanti, d'una città solare, simbolo e ricordo di eroiche gesta e di bellezza
. Al trepidar delle onde il fragore dei flutti si ode, e Miramare, resta sommessa ad ascoltare, la Lirica che a te graziosa 
Trieste io dedico, in seno alla tua spiaggia gioiosa e palpitante. 

di Francesco Currò


Francesco Currò


Giungono anche i nostri complimenti all'amico Francesco Currò, nativo di Meri (il padre di Milazzo), da anni residente a Trieste, per il riconoscimento del Giornale quotidiano " Il Piccolo di Trieste che, nell'edizione di domani 26/settembre/2014 pubblicherà la poesia "Ode a Trieste"
Francesco Currò , grazie alla sua vena poetica , da anni cura questa passione raccogliendo numerosi attestati e riconoscimenti