venerdì 30 gennaio 2015

Interrogazione contro la soppressione dei treni a lunga percorrenza in Sicilia




Interrogazione contro la soppressione dei treni a lunga percorrenza in Sicilia

BY ADMIN · 27 GENNAIO 2015


Giuseppe Lumia
"Ho presentato un’interrogazione al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sulla scelta fatta da Ferrovie Italiane di
sopprimere i treni a lunga percorrenza da e per la Sicilia, per chiedere:
se il Ministro in indirizzo intenda garantire la continuità territoriale, impedendo a Ferrovie Italiane di operare ulteriori tagli a danno dell’Isola, di tutti i fruitori del servizio, mettendo in sicurezza il posto di lavoro di migliaia di lavoratori del settore;
se il Ministro intenda verificare la volontà di Ferrovie Italiane di mantenere o meno gli investimenti in Siciliaper l’ammodernamento del sistema ferroviario e l’integrata intermodalità.
Di seguito il testo integrale dell’interrogazione.
Giuseppe Lumia

Per sapere – premesso che:

come emerge da notizie di stampa nel trasporto ferroviario la Sicilia presto sarà sempre più isolata dal contesto nazionale. E’ quanto emerge dalle scelte che starebbe mettendo in atto Ferrovie Italiane che prevede lo stop dei treni a lunga percorrenza che dal nord e dal centro-Italia giungono in Sicilia, a Messina, o in Calabria, a Villa San Giovanni, lasciando così esclusa la Sicilia dalla comunicazione vitale con il resto del Paese e con la stessa Europa, mettendo inoltre in crisi la continuità territoriale con evidenti disagi per i passeggeri, le merci e la perdita di un migliaio di posti di lavoro;
l’Isola già in passato, nel 2007, aveva subito una forte riduzione del trasporto ferroviario, passando da 14 treni a soli 5, con una pesante ripercussione di perdita di posti di lavoro (60% in meno dal 2007 ad oggi);
fino ad oggi si poteva contare su tre treni espressi notturni e due intercity diurni, di questi 4 si fermavano a Roma e uno solo proseguiva per Milano. Gli stessi treni avevano già subito drastiche riduzioni divenendo di soli 8 vagoni;secondo il nuovo piano, i passeggeri in arrivo dovranno scendere dal treno a Messina o viceversa a Villa San Giovannni e proseguire il viaggio via Metromare, per poi proseguire riprendendo il treno.
Si chiede pertanto di sapere:
se il Ministro in indirizzo intenda garantire la continuità territoriale, impedendo a Ferrovie Italiane di operare ulteriori tagli a danno dell’Isola, di tutti i fruitori del servizio, mettendo in sicurezza il posto di lavoro di migliaia di lavoratori del settore;
se il Ministro intenda verificare la volontà di Ferrovie Italiane di mantenere o meno gli investimenti in Siciliaper l’ammodernamento del sistema ferroviario e l’integrata intermodalità.

giovedì 29 gennaio 2015

Tutto pronto per il - Carnevale storico Luciese

immagine u catalettu
https://www.facebook.com/groups/385925944802399/831443173584005/?notif_t=group_activity

"D'Amico In Formazione" torna questo fine settimana con due appuntamenti




"D'Amico In Formazione" torna questo fine settimana con due appuntamenti:

- Ven 30 "Formarsi alla Bellezza" Con Matteo Allone, Psichiatra e Direttore dell’U.O.S. Centro Diurno “Camelot” di Messina







Sab 31 01.2014

L’Atletica è… leggera. L'Atletica nasce come attività connaturata all'uomo fin dagli albori dell'umanità, e si è sviluppata nel tempo affrancandosi dalla sua utilità puramente pratica per diventare uno sport utile e completo.

Praticare l'attività sportiva risponde infatti al bisogno di leggerezza dell'uomo e aiuta chi la pratica a connettersi con la parte più libera e spirituale di sé.Sabato 31 Gennaio Palazzo D'Amico ospiterà l'incontro "L'Atletica è... Leggera", preziosa occasione per rivivere le emozioni scaturite da corsa, salti e lanci con gli atleti mamertini più rappresentativi del panorama nazionale e librarsi: il docente di Ed. Fisica Domenico (Mimì) Farsaci, l'atleta azzurro Antonio Trio e Santino Smedili, cultore di atletica leggera

mercoledì 28 gennaio 2015

"Riflessione e confronto sul tema dell'essere educatori oggi" relatore Prof Giuseppe Savagnone, organizzato dell'associazione "Agorà S.Cuore"

Organizzato dell'associazione Agorà Sacro Cuore Milazzo- venerdi 6 febbraio 2015 presso la saletta dell'Istituto Industriale E. Majorana di Milazzo - alle ore 16,30 Incontro  con Il Prof Giuseppe Savagnone su "Riflessione e confronto sul tema dell'essere educatori oggi". 

L'invito è rivolto a  coloro che vorranno partecipare per vivere insieme questo percorso di riscoperta del ruolo di educatori, una prospettiva di vita, con cui tanti di noi attraverso diverse modalità sono impegnati.
Il Prof Giuseppe Savagnone è nato Palermo nel 1944 e qui ha insegnato per quarantuno anni Storia e Filosofia nei licei statali. Docente di Dottrina Sociale della Chiesa presso la LUMSA (Libera Università degli Studi Maria SS. Assunta) di Palermo. Insegna presso la Scuola di formazione politica “Pedro Arrupe” di Palermo e presso la Scuola superiore di specializzazione in bioetica e sessuologia dell’Istituto teologico S. Tommaso di Messina. Ha maturato la propria visione di fede all’interno di un piccolo gruppo spontaneo di universitari e professionisti, la cui attuale denominazione è “Comunità Cristo Sapienza”, di cui è stato uno dei fondatori e continua ad essere un responsabile. Collabora ancora oggi attivamente alla pastorale giovanile nella sua parrocchia (S.Espedito) come responsabile di un gruppo di universitari.
Nel 1990 è stato nominato dal Card. Pappalardo direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della cultura di Palermo, servizio che, per volontà dei successivi Arcivescovi, Card. De Giorgi e Card. Romeo, continua a svolgere fino ad oggi.

martedì 27 gennaio 2015

Palazzo D'Amico - dal 24 Gennaio al 9 Maggio 2015 D'Amico in Formazione 2015


 “D’Amico inFormazione”, al suo secondo anno di attività, propone un nuovo ciclo di conferenze all'interno di Palazzo D’Amico, nel periodo che va dal 24 Gennaio al 9 Maggio 2015. 
L'inizio delle 40 conferenze in programma è previsto per le 18:00. 
Il Piano nobile dell’edificio sarà animato dai contributi di professori universitari, giornalisti, sportivi e artisti che hanno scelto di trattare in modo "emozionale" tematiche riguardanti il comprensorio e la storia recente.


Calendario delle conferenze
Gennaio
Sab 24  Il soggiorno milazzese di Pietro Novelli. Con Elvira D’Amico, storico dell’arte 
Ven 30  Formarsi alla bellezza. Con  Dott. Matteo Allone, direttore dell’U.O.S. Centro Diurno “Camelot”
Sab 31 L’Atletica è … Leggera Con Domenico (Mimì) Farsaci, docente Ed. Fisica; Antonio Trio, atleta azzurro; Santino Smedili, cultore atletica leggera.

Milazzo: Carenze impiantistica sportiva di base


Pubblicato da COMUNE MILAZZO 
La buona notizia, come pubblicato dall'Ufficio stampa, è che Stadio Salmeri, è arrivato l’ok della commissione di vigilanza per i prossimi due anni le manifestazioni sportive all’interno dello stadio “Salmeri” possono ospitare fissa 1400 posti. Una decisione che arriva dopo l’ultimo intervento strutturale alla tribuna coperta (spesa 30 mila euro) che ha consentito di superare le criticità esistenti.
Lo ha reso noto l’assessore allo sport, Pippo Midili che insieme al collega ai  lavori pubblici Santi Romagnolo ha partecipato all’ultimo sopralluogo.Midili ha poi comunicato l’inizio dei lavori anche ai campi di calcio della Piana (Santa Marina e Ciantro) e l’aggiudicazione provvisoria per gli ultimi lavori da effettuarsi sul Palasport di via Valverde al fine di renderlo fruibile.“Con questi interventi la nostra città avrà tutti gli impianti a norma in grado di ospitare eventi sportivi. A distanza di quattro anni dal mio insediamento siamo riusciti a passare da una situazione di forte criticità delle strutture 
Palestra Scuola Media L Rizzo
sportive mamertine, caratterizzata 
dalla mancanza di agibilità per molte di esse e soprattutto da una gestione lasciata a se stessa, ad una corretta regolamentazione sia sotto il profilo strutturale che autorizzativo. Nonostante le difficoltà note, siamo riusciti a spendere dal nostro bilancio – e quindi i soldi versati dai cittadini – delle risorse per mettere a norma i vari impianti e una volta completato il Palasport non avremo più incompiute che si trascinavano da decenni. Penso su tutti proprio al Palazzetto dello Sport di via Valverde, in attesa di essere completato da circa 21 anni. Ai sei milioni di euro spesi finora tra espropri e lavori, ne abbiamo dovuto aggiungere altri cinquecentomila euro circa, necessari per completarlo.Quanto al campo sportivo di Fossazzo, la concessione della gestione ventennale alla società di rugby ci ha consentito di assicurare un altro impianto ad una società che è molto impegnata soprattutto con i giovani”. Oltre agli impianti esistenti resi fruibili, c'è poi il grande sogno che l'assessore Midili non nasconde, vale a dire “la realizzazione di un impianto sportivo polivalente”. "Milazzo vanta dei trascorsi sportivi e soprattutto un grande movimento giovanile che meriterebbero strutture migliori. Per il momento dunque partiamo dalle certezze che sono quelle che dalla prossima stagione agonistica tutti gli impianti saranno fruibili e soprattutto a norma nel vero senso della parola”.
Pubblicato da COMUNE MILAZZO
^^^^^
Ma vogliamo vedere meglio la situazioni dell'impiantistica sportiva di base?
Palestra della Media Luigi Rizzo, la tensostruttura versa da anni interdetta agli studenti , rimane lo scheletro e brandelli di telone

Palestra Tukery

Nell'ultima settimana sono circolate su Fb (fonte Vivi Milazzo) In questi giorni, fotografie del Palazzetto dello Sport (Tukery ) della zona di Ponente. Immagini , di una situazione a dir poco vergognosa, e del fatto che allo stato attuale tale struttura è ancora agibile ed i nostri giovani Milazzesi Dove si fanno attivitá sportiva di pallavolo e mini
volley tutti i giorni.

Si intravedono nelle mura, muffe, polveri,umiditá e quant'altro e questo rappresenta un forte pericolo per i giovani che potrebbero accusare problemi

respiratori.Tale struttura sportiva, ancora resa fruibile, rappresenta poca attenzione
e un pessimo servizio alla comunità. i
Sport, ambiente, e tutela della salute che dovrebbero camminare insieme per lo sviluppo delle prime attività motorie dei nostri bambini, dei nostri ragazzi.



Nuccio Scibilia mattatore della macchina della musica Osa Production





















Doveva essere la sua serata e così è stato. Al ritrovo “Le 3 caravelle” di Barcellona, Nuccio Scibilia ha entusiasmato il pubblico e dopo il tour “Io in arte” che ha promosso l’organizzazione Osa Production di Nancy La Greca, è arrivato il meritato trionfo anche per colui che è il vero trascinatore di questo cantagiro messinese che ormai rappresenta un riferimento per il mondo dello spettacolo.

- Giornata della Memoria. L'Area Civati ricorda le vittime del nazionalsocialismo, del fascismo e dell'Olocausto



Lunedì 26/01/2015 
Comunicato di Attilio Andriolo

L'associazione a Milazzo é Possibile - ricorda le vittime dell'Olocausto in occasione del Giorno della Memoria 2015 istituito in Italia, con legge n. 211 del 20 luglio 2000, nel 27 gennaio. Sono passati esattamente 70 anni da quando, il 27 gennaio 1945, le truppe dell'Armata Rossa, impegnate nell'offensiva per arrivare a Berlino, varcarono i cancelli di Auschwitz, sormontati dalla celebre scritta "Arbeit macht frei" ("Il lavoro rende liberi")
Ricordiamo l'orrore delle leggi razziali, la persecuzione dei cittadini ebrei, degli zingari, degli omosessuali, di persone con diverse idee politiche. Uomini, donne, bambini che subirono la prigionia, la morte per mano nazista e che avevano come unica colpa la loro diversità.
Si dice che i soldati russi che arrivarono ad Auschwitz, il 27 gennaio del 1945, non riuscirono ad aprire bocca, stupiti, annichiliti di fronte ad un orrore inimmaginabile. Yakov Vincenko, uno degli ultimi liberatori dell'Armata Rossa Sovietica racconta: "… la verità è che quel 27 gennaio nessuno di noi soldati si era reso conto di aver varcato un confine da cui non si rientra. Subito pensai a qualche migliaio di morti. Invece era la fine dell’umanità". 
Il male non arriva all'improvviso. È qualcosa che cresce lentamente nella quotidianità, che si nutre di indifferenza, egoismo e intolleranza. Si alimenta nel momento in cui si aboliscono diritti imprenscindibili, fino alla negazione del diritto alla vita.
Ognuno di noi ha il dovere di riflettere e memorizzare bene le atrocità che una mente umana può architettare. Ognuno secondo il proprio grado di maturazione, quindi anche i giovani, anche i ragazzini, anche i bambini nel loro piccolo. Perché anche questa è educazione. Il Giorno della Memoria non può e non deve essere considerato come una semplice ricorrenza. In una società che fa sempre più fatica a fornire delle linee guida, è bene che certi paletti rimangano ben piantati per terra ed eretti altrettanto in alto affinché nessuno li perda di vista. I giovani devono conoscere gli errori del passato affinché non si ripetano più. Non possiamo accettare che il trascorrere del tempo depositi la sua polvere su quelle memorie, non possiamo cadere nella tentazione di liquidarle come semplici rievocazioni di un’epoca che ormai non ci appartiene più. 
Chiudiamo prendendo in prestito le parole di Primo Levi: “L'Olocausto è una pagina del libro dell'Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria.”
Attilio Andriolo - Portavoce "a Milazzo é Possibile" 
Antonio Foti - Assemblea Regionale Partito Democratico


lunedì 26 gennaio 2015

Festa dello sport della Libertas a San Pietro


Giovedì prossimo alle 16 nella sede dell’Asd “Camminare in sintonia” di San Pietro, tradizionale festa dello sport promossa dalla Libertas presieduta da Sergio Minniti. Saranno premiati Eloise Di Salvo e Antonio Lanuzza, Antonino Imbesi, Simone Santovito, Enzo Gitto, Maria Luisa Ghilardi, Alessandro Maiorana, Federica Lo Duca, Antonella Mazza, Gabriele Maimone, Roberta Napoli, Lillo Lucifero, Massimo Lombardo, Maddalena Longobardo, Antonio Petrungaro, Francesca Pino ed il movimento sportivi milazzesi.

domenica 25 gennaio 2015

Raccolta fondi per il recupero dell'antica Chiesa di San Domenico Consegnato il quadro donato da Nino Cannata e messo all'asta





25/01/2015
Raccolta fondi per il recupero dell'antica Chiesa di San Domenico
Elenco biglietti estratti e premi consegnati aggiornato

25/01/2015
Raccolta fondi per il recupero dell'antica Chiesa di San Domenico
Consegnato il quadro donato da Nino Cannata e messo all'asta

12/01/2015
Raccolta fondi per il recupero dell'antica Chiesa di San Domenico
Elenco biglietti estratti

Rometta Marea: si è parlato di toponomastica femmine


Lettera del Parroco di Archi (Me) al Presidente della Commissione Ambiente e Territorio dell’ARS



Lettera del Parroco di Archi (Me) al Presidente della Commissione Ambiente e Territorio dell’ARS
SCRITTO DA REDAZIONE
Costajonica

In una lettera indirizzata al Presidente della IV Commissione Ambiente e Territorio dell’Assemblea Regionale Siciliana, On. Giampiero Trizzino nonché alla deputazione nazionale della provincia di Messina, il cui contenuto ha per oggetto una richiesta di convocazione della medesima Commissione per una seduta sul territorio della Valle del Mela affinché ascoltino le istanze, che rivolgeranno loro le associazioni ambientaliste, il parroco di Archi e Pace del Mela don Giuseppe Trifirò intende esprimere le forti preoccupazioni della popolazione residente in merito alla difesa della salute pubblica ed alla salvaguardia dell’ambiente

PROGRAMMA 2015 AMA CAMMINARE IN SINTONIA



A cura di 

Tutta l’attività AMA 2015 : il calendario dell’ ASD AMA CAMMINARE IN SINTONIA MILAZZO


-L’ASD AMA CAMMINARE IN SINTONIA MILAZZO è un’ associazioni di promozione sportiva, in particolare della diffusione del fitwalking e del cammino in tutte le sue forme. Propone con continuità l’organizzazione di escursioni e camminate alla scoperta del territorio comunale e regionale .

-L’ASD AMA CAMMINARE IN SINTONIA MILAZZO ritiene fondamentale la promozione della cultura del benessere, attraverso la capacità di stare bene con sé stessi e con gli altri, stimolando nelle persone la ricerca di uno stile di vita attivo e propositivo in cui siano predominanti i valori della solidarietà, della comprensione e accettazione delle diversità.L’ Asd Ama Camminare in Sintonia Milazzo è affiliato al Centro Nazionale Sportivo Libertas, Ente senza scopo di lucro, riconosciuto dal CONI.

ATTIVITA’ SOCIO-SPORTIVA PREVISTA PER IL 2015
A) Tutto l’anno - Appuntamento domenicale mattutino di FITWALKING (Accu ccè ccè) con partenza alle ore 8.00 (orario invernale) ore 7.00 (orario estivo) dalla chiesa di S. Giacomo. Appuntamento del venerdì sera di Fitwalking (Accu ccè ccè) con partenza alle ore 18.00 (orario invernale) ore19.00 (orario estivo) - partenza chiesa S. Giacomo – Marina Garibaldi, Milazzo.

Michela Stancheris nominata consulente a Palazzo Chigi


Michela Stancheris è stata nominata consulente presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

L’ex assessore al Turismo della giunta Crocetta “silurata” nel bel mezzo del proprio mandato, lo scorso 26 ottobre. non ha mai chiuso il rapporti con la nostra Terra 
– perché, come ha sempre dichiarato " mi importa della Sicilia e del futuro della mia generazione. Come mi ha detto una volta il grande Antonio Presti (presidente della Fiumara d’arte, n.d.r.) la debolezza della mia generazione è quella di non cercare di stare uniti. Invece io credo che possiamo provarci”.
Tanti i progetti rimasti in sospeso e troppe le motivazione squisitamente politiche e legate alle ragioni di partito che non furono comprese dall’ex assistente di Crocetta a Bruxelles.
Oggi "Sono stata chiamata a far parte di un gruppo di lavoro guidato da Sandro Gozzi per definire le linee strategiche di alcuni settori con l'Unione europea - ha detto Stancheris all'agenzia Agi - sono soddisfatta per l'altissimo livello dei consulenti scelti che hanno un indiscutibile profilo e una solida professionalità. Sono state messe insieme eccellenze e teste pensanti". Il gruppo si insedierà lunedì alle 10,30 a Palazzo Chigi. "Tengo a precisare che si tratta di un gruppo di lavoro senza costi - ha osservato - all'interno del quale vorrei portare la voce della Sicilia, le sue problematiche, ma anche le sue forti potenzialità. Sto già lavorando ad una serie di progetti".



sabato 24 gennaio 2015

Il PD di Milazzo ... due squadre in attesa del giudice di gara



Grande terzo posto per Enrico Garozzo anche ad Heidenheim (GER), nella gara di spada maschile individuale Ancora un podio in Coppa del Mondo per la Medaglia di Bronzo iridata 2014











COMUNICATO STAMPA

Enrico Garozzo centra ancora un grande risultato e sale sul podio anche nella gara individuale maschile della quarta Tappa di Coppa del Mondo, in corso di svolgimento ad Heidenheim (GER).
Lo spadista acese ha infatti conquistato il terzo posto pure oggi, bissando così lo strepitoso piazzamento ottenuto nella tappa precedente e dando spettacolo anche sulla pedana tedesca.
Un’altra giornata importantissima quindi per la Medaglia di Bronzo di spada maschile 2014, che con un pizzico di fortuna in più avrebbe anche potuto ambire al gradino più alto del podio.
Si conferma però la grande condizione dell’atleta del Gruppo Sportivo dei Carabinieri, entrato in gara direttamente nel tabellone principale e subito travolgente sin dal primo match, vinto 15-8 nei 64 contro uno dei beniamini di casa, il tedesco Braun. Successo convincente pure nel tabellone dei 32, dove Garozzo ha battuto 15-12 l’ungherese Boczko, addirittura straripante il 15-6 inflitto al russo Khodos negli ottavi di finale. Le porte del podio si sono poi aperte grazie alla vittoria contro una delle storiche bestie nere dello schermidore etneo, ovvero quel coreano Park superato con un netto 15-11 nei Quarti. Semaforo rosso solo contro il francese Borel, che dopo aver vinto 15-10 in semifinale contro Garozzo ha conquistato anche la Tappa.
Sentimenti contrastanti anche stavolta per lo spadista acese, che al termine della gara ha raccontato tutta la propria soddisfazione per l’ennesimo grande risultato ottenuto, senza nascondere un po’ d’amarezza per non aver raggiunto un successo che pareva alla sua portata: “Sono felicissimo per aver conquistato un altro podio importantissimo – ha detto Enrico Garozzo – , ma rammaricato perché dalla semifinale in poi non riesco ancora ad avere il giusto approccio. Nei turni precedenti invece è diverso, perché sembra che sia riuscito a trovare la necessaria sicurezza e a raggiungere la serenità opportuna per gestirmi al meglio e condurre l’incontro. E’ chiaro che adesso sento il desiderio di vincere una tappa e questo un po’ mi manca, ma è una cosa che vivo senza alcun assillo. Anzi, continuerò a lavorare proprio per questo cercando di trovare la vittoria nelle giornate più importanti. Ribadisco però che sono molto contento e la mia gioia è doppia perché questo risultato arriva in una settimana bellissima per la mia famiglia, che nello scorso week-end ha festeggiato anche il podio di mio fratello Daniele nella Coppa del Mondo di fioretto”.
Enrico Garozzo tornerà in pedana domani mattina con i compagni di nazionale, per la gara a squadre.
foto dell'atleta acese, protagonista di un autoscatto con gli altri componenti del podio.
Catania, 23 gennaio 2015
Info: Antonio Costa


venerdì 23 gennaio 2015

UN FERMO “NO” ALL’AEROPORTO DALL’”AREA CIVATI” E DAL CIRCOLO “BIG-BANG” DI MILAZZO


Il sostegno manifestato dall’On. Laccoto alla realizzazione di un aeroporto tra Milazzo e Barcellona P.G. è espressione di una posizione estemporanea e poco chiara, maturata fuori dagli organismi di partito, sia provinciali che cittadini. Il partito Democratico di Milazzo e in generale il centro sinistra milazzese, nel corso di questi anni, ha argomentato con chiarezza la contrarietà ad un’opera che rappresenterebbe una “cattedrale nel deserto”.
Milazzo ed il comprensorio della Valle del Mela hanno già pagato un prezzo troppo alto in termini di industrializzazione pesante e di impatto ambientale. L’associazione italiana medici per l’ambiente ha evidenziato più volte che il trasporto aereo provoca inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico. Decenni di studi e ricerche evidenziano che chi abita nelle adiacenze di un aeroporto, è soggetto a malattie cardiovascolari,respiratorie, neoplastiche, disturbi della sfera neuro-comportamentale, disturbi dell’apprendimento e dell’attenzione nei bambini. Senza dimenticare le questione sicurezza, visto che nelle zone limitrofe sono presenti realtà industriali non secondarie.
Non solo, l’opera, per come prevista, ricadrebbe nella zona che ha rappresentato e rappresenta un vanto ed un’eccellenza della nostra città, per la presenza di aziende floro-vivaistiche e, più in generale, agricole, che costituiscono una delle maggiori fonti di reddito per la nostra comunità. La piana di Milazzo va, piuttosto , tutelata ed inserita organicamente all’interno di un circuito di valorizzazione del nostro territorio,legandola al centro-cittadino e liberandola a quella sub-alternità che per troppi anni l’ha caratterizzata.
I deputati del PD, se vogliono dare una mano a questo territorio, creino le condizioni per intercettare al meglio i fondi europei, concentrando ogni sforzo sulle questioni realmente importanti quali il recupero e la rifunzionalizzazione dell’enorme patrimonio storico e architettonico presente nella nostra città. Soltanto così si potrà assicurare a tutto il comprensorio una prospettiva di sviluppo turistico strutturato e continuativo, capace di produrre ricchezza e lavoro.
La vera sfida è fare in modo che Milazzo, da luogo di transito verso le Eolie, divenga meta prescelta dai turisti in un rapporto con gli altri e con le stesse isole. E per far questo non è necessario costruire nuovi aeroporti. Basta riuscire a trattenere una parte delle centinaia di migliaia di persone Basta riuscire a trattenere una parte delle centinaia di migliaia di persone che già transitano dal nostro porto.
Se poi dovesse nascere un aeroporto nei pressi di Brolo e quindi a pochi minuti di distanza da Milazzo e Barcellona, avremo modo di sperimentare la fondatezza delle tesi dell’on. Laccoto e degli altri sostenitori di quest’opera.

ANTONIO NAPOLI – BIG-BANG MILAZZO (AREA RENZI)
ANGELICA FURNARI- Assemblea Provinciale PD
ATTILIO ANDRIOLO- Ass. “A Milazzo è possibile”-Area Civati

giovedì 22 gennaio 2015

Milazzo: Ennesimo allagamento a San Paolino: a cura di Peppe Foti


Foto Chicco Oliva



































































































Mentre imperversano nell'aria mamertina i sondaggi relativi alle prossime amministrative, e si profetizzano panorami allietanti per i prossimi anni; noi comuni mortali, purtroppo facciamo le spese con la solita realtà. Per l'ennesima volta oggi alle ore 15:00 la via San Paolino e la via Albero sono stati scenari di allagamento e di disagio. Diversi dipendenti della mediterranea al termine del loro esercizio quotidiano, sono rimasti bloccati dall'impraticabilità stradale, in attesa del lento deflusso delle acque. Destabilizzata anche la sede del comando dei vigili, che rimane isolata, vista la sua ubicazione nella via San Paolino. Da anni si richiede l'intervento per ovviare all'immancabile disagio invernale, si richiede la pulizia dei tombini, e un programma che preveda dei seri provvedimenti da adottare; l'eccezzionalità di vent'anni fa oggi è all'ordine del giorno, non fa quasi più notizia e questo è un grosso dramma.



MILAZZOFORUM…QUALE SINDACO ?“ Progetti per Milazzo” 4° appuntamento che MilazzoForum promuove giorno 23 gennaio presso il Laboratorio Idee di Antonuccio.


Milazzogennaio 22, 2015
Collabora con noi per migliorare questo Paese

“Progetti per Milazzo” è il 4° appuntamento che MilazzoForum promuove giorno 23 gennaio presso il Laboratorio Idee di Antonuccio. Continua l’Impegno di MilazzoForum sul territorio, facendo seguito alle presentazioni precedenti rivolte alla città e alle libere associazioni cittadine, questa volta l’ interesse è rivolto alla stimolante capacità dei soggetti interessati a proporre progettualità per la città.

Milazzo: La Rosa (Psi) riportare campagna elettorale su contenuti. Basta lotte di partito

Milazzo: La Rosa (Psi) riportare campagna elettorale su contenuti. Basta lotte di partito

Milazzo, 22 gennaio 2014 - "Trovandoci di fronte ad un Comune, come quello di Milazzo, commissariato a causa del dissesto di bilancio, i cittadini si aspettano da chi fa' politica, non solo onesta' e serieta', ma un maggiore senso di responsabilita' - ha dichiarato Barbara La Rosa, Responsabile del Psi di Milazzo e della Valle del Mela - Non possiamo permetterci, pertanto, di monopolizzare il dibattito locale soltanto con continue notizie di litigi tra correnti di partito e lotte interne. Tutto questa inutile diatriba non fa' altro che confermare la sfiducia, a volte legittima, dei cittadini nei confronti di chi svolge l'attivita' politica"
"Milazzo e' una citta' con forti potenzialita' di sviluppo ma, per poter fare questo, ci vogliono scelte rigorose e programmazione. Il Partito Socialista oggi vuole costruire un modello di "citta' ideale", rispettosa dell'ambiente e della salute dei cittadini, che valorizzi i beni culturali, il turismo, le attivita' commerciali ed industriali, crei i servizi sociali in aiuto delle fasce deboli, sviluppi i trasporti interni e verso le isole eolie, crei un funzionale coordinamento tra i comuni del comprensorio" - ha proseguito La Rosa.

"Il totale silenzio che regna, a discapito di proposte e progetti da portare avanti, da parte dei partiti, e' preoccupante. Per questo motivo faccio appello a tutti i miei colleghi politici, rappresentanti di partiti di centrosinistra, centro e centrodestra, di trovare al piu' presto soluzioni utili alla scelta dei candidati sindaco per poter trattare al piu' presto i temi focali a programmare attivita' necessarie a sanare i conti in rosso del Comune e a rilanciare la nostra bellissima citta'. - ha concluso la socialista La Rosa.

Recital del cantautore Nuccio Scibilia domenica a Barcellona

 Reduce dal successo ottenuto nel tour peloritano del cantagiro "Io in arte 2014", l'esuberante conduttore Nuccio Scibilia, autentico mattatore di tutte le serate promosse dall'agenzia per il Sud Italia "Osa Production", anche per ringraziare e accontentare il pubblico si esibirà domenica alle 20 presso il ritrovo "Le 3 caravelle" di Spinesante a Barcellona. Un recital speciale denominato "il dopotour" del cantagiro peloritano "Io in arte 2014". Scibilia assieme all'equipe di cantanti finalisti, tornerà per una sera dunque cantautore e assieme alla sua inseparabile chitarra offrirà il meglio del suo repertorio musicale  a partire dalla sua canzone più fortunata "Viale dell'amore" che negli anni '80 a Roma lo ha consacrato vincitore del "National Festival d'autore" per concludere con il brano "Noi in arte", già promosso sigla del prossimo tour primaverile itinerante a squadre "Noi in arte show" dal quale prende titolo proprio la canzone.

mercoledì 21 gennaio 2015

L'ultimo saluto a Franco D'Amico: a cura di Peppe Foti

Franco D'Amico
Oggi ore 15:00 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore è stato dato l'ultimo saluto a Franco D'Amico, un grande Padre, un uomo mite, umile e un grandissimo lavoratore. Un uomo diviso tra la famiglia e il mare ..... quel mare che lo ha sedotto, amato, cresciuto, ma che all'ultimo lo ha tradito. Struggenti le parole dell'amata nipote Ornella che con voce roca ha ringraziato Franco: il nonno forte, coraggioso, timoroso solo del buon Dio, per una vita vissuta nell'amore e per il prossimo. 
Hai gettato le reti dell'amore nei cuori di chi ti conosceva, e oggi nel mare di commozione un dolce ricordo resta vivo.

Enrico Garozzo in pedana ad Heidenheim (GER) nel week-end, per la quarta Tappa di Coppa del Mondo. Il Bronzo Mondiale di Spada 2014 sarà impegnato sia nella gara individuale che in quella a squadre


COMUNICATO STAMPA: 
Enrico Garozzo in pedana ad Heidenheim (GER)
nel week-end, per la quarta Tappa di Coppa del MondoIl Bronzo Mondiale di Spada 2014 sarà impegnatosia nella gara individuale che in quella a squadre

La medaglia di bronzo mondiale di spada maschile individuale 2014, Enrico Garozzo, si avvicina ad una nuova sfida in Coppa del Mondo, che lo vedrà impegnato da domani a sabato 24 gennaio ad Heidenheim (GER).
Sarà la quarta Tappa del circuito iridato, la prima del 2015, ed è anche per questo che lo spadista acese ci tiene a fare bene.Il lungo mese di preparazione invernale è ormai alle spalle e adesso bisogna tuffarsi nuovamente a testa bassa negli impegni ufficiali.

lunedì 19 gennaio 2015

Gran Galà della premiazione del cantagiro peloritano “Io in arte 2014”



Grande festa e tanti riconoscimenti al Gran Galà della premiazione del cantagiro peloritano “Io in arte”, tradizionale rassegna musicale itinerante del messinese promossa dall’agenzia del Sud Italia Osa Production diretta da Nancy La Greca. La kermesse condotta dal noto show men Nuccio Scibilia ha premiato i finalisti della categoria cantanti e musicisti che si sono contesi la vittoria sin dalle varie tappe svoltesi nei locali più noti della provincia. Il primo ad essere premiato con targa fuori da ogni schema, direttamente dal corpo di ballo delle sirenette, da lui tanto elogiate, è stato il maestro Carmelo Culicetto, presidente delle giurie e del tour autunnale. A seguire premiati anche gli altri componenti della giuria: Maria Basile, Andrea Arcoraci, Nuccia Isgrò, Nunziella Ruggeri, Rosa Lo Presti, Andrea Italiano, Amelia Saporita, Gianni Alesci, Elena Donosa, Francesco Piccolo e Franco Gresta. Al maestro Culicetto poi il compito di premiare con trofei, coppe e targhe gli artisti a partire dalla categoria Musicisti che ha visto nella categoria juniores, brillare il piccolo fisarmonicista Simone Cipriano, mentre negli adult, il riconoscimento è andato al virtuoso Davide Cipriano. Nella categoria cantanti, podio tutto femminile con Marzia Mazzeo giunta prima e quindi aggiudicataria del trofeo, con a fianco Rosalba Scibilia e Gabriella Bisignano rispettivamente seconda e terza che hanno ricevuto la coppa. Allo show men Scibilia il compito di premiare gli altri concorrenti: Nino Privitera, Mary Lanza, Federica Galeota, Melina Cambria, Denise Calcagno, Gloria Russo e Vanessa Milici. A completare le premiazioni gli ospiti d’onore, le sorelle Serena e Susanna Ferrara, già sul podio dell’ultimo Nazional festival canoro Osa Production e il fortunato sorteggiato quale Pippo Calcagno, rappresentante del pubblico “Io in arte 2014”.

domenica 18 gennaio 2015

Omaggio a Giuppy Black al teatro trifiletti: a cura di Peppe Foti

Foto Pasquale Saltalamacchia
Una serata a dir poco unica.... quella che ieri 17-01-2015 ha acceso il teatro Trifiletti in occasione del 32° compleanno di Giuseppe Tusa, in arte Giuppy Black.
Protagonista  assoluta la musica di Giuppy, che attraverso una rassegna dei suoi ultimi brani, eseguita dai suoi fantastici e bravissimi amici ha emozionato la platea e riempito d'amore il cuore dei presenti. Una musica di altissimo livello quella eseguita dal sassofonista  Nat Minutoli nei brani "Sax Emotion" e "Sax Time" di Giuppy; magistrale l'intervento dell'Orchestra Melos Ensamble, diretta dal m. Vincenza Sciotto che ha eseguito "La vita è bella", "Milonga" e due brani di Giuppy: "Back to Soul" e "Downbeat". La serata per altro organizzata e curata  nei minimi dettagli ha esposto anche dei filmati dossier : che hanno ripercorso in sintesi la tragedia del crollo della Torre VTS di Genova del 7 maggio 2013 e le sue nove vittime; esposto anche un video amatoriale che fa riflettere, registrato da  Giuppy e dai suoi amici  dove si mostra al mondo intero cosa significano le parole amicizia, lealtà, passione e qualità. La serata continua ancora con il grande intervento musicale della Band Black Soul Band, capitanati dalla bravissima cantante Teresa Pitzalis, che hanno eseguito "Bombay" di Giuppy e una rassegna musicale di musica Dance degli anni 90. Seguono  l'intervento di Alessandro Marchese amico d'infanzia di Giuppy, che ha mixato alcuni pezzi musicali nel ricordo dell'amico, Fabrizio Polizzi, Gianluca Manca, Ninni Cianciolo, Filippo Gitto (consulente tecnico della sicurezza), e l'avvocato Goffredo D'Antona, che ha ricordato i problemi morali, giuridici e politici della tragedia dei lavoratori morti per mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro. La mamma Adele Chiello infine ha omaggiato i partecipanti con delle targhe nel ricordo di Peppe. Alla prossima Giuppy.
Foto Pasquale Saltalamacchia

Foto Pasquale Saltalamacchia

Foto Pasquale Saltalamacchia

Foto Pasquale Saltalamacchia

Giuppy Black

sabato 17 gennaio 2015

Milazzo ricorda Giuseppe Tusa, manifestazione al Trifiletti






Pubblicato Domenica, 18 Gennaio 2015 0
Scritto da redazione laprovinciamessina.it
Riuscita ieri, come nella aspettative, la manifestazione al teatro Trifiletti di Milazzo in ricordo del milazzese Giuseppe Tusa. Numerosi i presenti, dai parenti agli amici che hanno voluto "non dimenticare" il giovane con momenti musicali, come lui amava sentire, tra le note dei dj suonate per diverse ore.
Il 17 Gennaio 2015, sarebbe stato il 32° Compleanno di Giuseppe <GIUPPY BLACK>

(foto:Pasquale Saltalamacchia).


LA POLITICA DIALOGHI PER IL BENE COMUNE DEI CITTADINI


COMUNICATO STAMPA VERDI/MILAZZO GREEN 
Riceviamo e Pubblichiamo 
Giuseppe Marano 
Verdi/Milazzo Green
Oggi siamo venuti a conoscenza che il Dott.Attilio Andriolo, una persona per bene che tutti ammiriamo e rispettiamo anche per le sue posizioni politiche e da medico riguardo alla drammatica questione ambientale della Valle del Mela è stato indicato come responsabile dell'Area Civati a Milazzo

In qualità di segretario Provinciale della Federazione dei Verdi di Messina e come esponente del Movimento Civico Milazzo Green, non posso che accogliere favorevolmente questa notizia. Chiedo all'Area Civati adesso, di essere conseguenziale a quel voto negativo sul decreto
Sblocca Italia che ha concesso ai poteri forti, alle lobby del petrolio di andare avanti con le trivelle alla ricerca ancora del fossile sconquassando i nostri mari, l'ambiente e creando un continuo disastro economico, sanitario e occupazionale in tutta Italia.
Abbiamo appreso dalla stampa infatti che l'Area Civati a Milazzo intende avviare un ragionamento politico sulla Riconversione industriale e il fermo della Raffinazione del petrolio. Questi per noi Verdi/Milazzo Green sono punti fondamentali del nostro programma ed è per proprio per questo che chiediamo al Dott. Attilio Andriolo, in qualità di responsabile di questa area politica di avviare una
serie di incontri insieme a noi di Milazzo Green La Rinascita e a tutte quelle forze politiche e movimenti, per verificare se ci siano le condizioni per realizzare nel nostro territorio un' ampia alleanza che punti alla tutela dei beni comuni, alle Rinnovabili, alla Green Economy, al lavoro giovanile pulito, al contrasto della politica dei poteri forti e quindi alla legalità.

COMUNICATO STAMPA VERDI/MILAZZO GREEN 
Giuseppe Marano 
Verdi/Milazzo Green

venerdì 16 gennaio 2015

Forte critica dell'Area Civati all'amministrazione e No a Carmelo Pino alle Primarie.

Comunicato dell'Associazione-è - Possibile- Area Civati di Milazzo 
inoltrato dal nuovo portavoce dell'Associazione -è- Possibile - Area Civati 
dr. Attilio Andriolo.


Forte critica dell'Area Civati all'amministrazione e No a Carmelo Pino alle Primarie.
"L'associazione è Possibile, dopo aver condiviso la candidatura di Salvatore Presti alle primarie, prende le distanze dalle ultime dichiarazioni dell'attuale Sindaco e neo iscritto al Partito Democratico Carmelo Pino, sulla sua eventuale partecipazione alle Primarie del centrosinistra che vedono il Partito Democratico, principale protagonista.

Le primarie hanno un valore significativo, in quanto, oltre ad una legittimazione politica reciproca tra i candidati, sono finalizzate anche a prospettare la creazione di un progetto radicalmente alternativo rispetto agli ultimi cinque anni di governo cittadino, e come tale devono svolgersi in un clima di leale competizione e trasparenza, evitando inquinamenti alcuni.
Non possiamo non constatare il fallimento politico di questa amministrazione. Quest'ultima per quattro anni e mezzo ha "latitato" politicamente, basando la sua azione amministrativa sul dissesto piuttosto discutibile, e aprendo una diatriba e una contrapposizione feroce e sterile con il consiglio comunale, dando un'immagine deleteria delle istituzioni cittadine. Una città che da due anni vive un deficit democratico forte. Nessun tipo di controllo, nessuna partecipazione rispetto ai processi amministrativi. Un'amministrazione totalmente autoreferenziale distante dai problemi che attanagliano la nostra città. 
Problemi di natura economica. Come suddetto, gran parte del percorso di questa amministrazione é stato tracciato dalla vicenda dissesto finanziario. Quest'ultimo é stato valutato non più risolutivo anche dallo stesso legislatore nazionale che ha introdotto una disciplina per salvare i Comuni dal fallimento dell'ente. I Comuni non possono e non devono fallire. Il loro capitale non é solo economico, ma rappresenta la dimensione sociale e collettiva di un'intera comunità. Le grandi città che hanno dichiarato il dissesto sono tornate dopo pochi anni nelle stesse condizioni, registrando un calo considerevole di investimenti e di PIL. Non possiamo non ricollegarci al dramma della disoccupazione giovanile. Una città, Milazzo, sempre meno appetibile nei confronti dei tanti giovani, che preferiscono abbandonarla, emigrando al nord o addirittura all'estero. Da pochi mesi é stato lanciato il nuovo ciclo dei fondi strutturali europei 2014 - 2020. Questa amministrazione non ha avuto la lungimiranza e la capacità politica di valutare questo processo virtuoso, vedi la micro impresa e l'imprenditoria giovanile. Unico modo per avviare prospettive lavorative. Non é stato recepito un euro di finanziamento, sia regionale che sovranazionale. Solo mutui che resteranno sulle spalle delle future generazioni insieme al dissesto.
Problemi di natura ambientale. Inaccettabile l'atteggiamento di questa Amministrazione nei confronti del tema della salvaguardia dell'ambiente. Il Sindaco non si è dimostrato all’altezza di aprire un confronto chiaro, duro, paritario e trasparente con le alte sfere dell'industria pesante. Un confronto che non significa abbassare la testa, ma significa fare gli interessi della popolazione milazzese, in termini di riqualificazione del territorio e tutela della salute. Questa sudditanza (la notte bianca, la vicenda dei fari dello stadio comunale e la pensilina sono un esempio), è negativa non solo per i cittadini, ma ritengo anche per la Raffineria stessa. La politica deve assumersi le sue responsabilità. Ci vuole un controllo maniacale delle emissioni, avviare le procedure affinché Milazzo abbia un piano di evacuazione e di emergenza, dotare l'ospedale di un centro grandi ustionati e di un reparto oncologico, ma, e soprattutto ci vuole un progetto che guardi lontano. La prerogativa è ripensare un'alternativa di sviluppo, completamente opposta. La Riconversione Industriale non può e non deve rappresentare un tabù. Questioni determinanti, da sempre patrimonio culturale e politico del Partito Democratico, ma completamente riposte nel dimenticatoio dalla massima autorità sanitaria. Senza dimenticare la questione del decoro urbano, che evidenzia una città sporca che da un'immagine profondamente negativa della nostra comunità e la mancata attuazione della raccolta differenziata, presente nel programma elettorale dell'attuale Sindaco. 
Un altro punto fondamentale, riguarda la questione del Porto di Milazzo. Da evidenziare, é la vicenda, delle opere propedeutiche. Il centrosinistra Milazzese su questo tema si é mostrato sempre con le idee chiare, considerando il porto un patrimonio non solo economico, ma anche culturale, in relazione all'identità e alla storia di una città che vanno tutelate. La paura di vedere Milazzo rappresentare l'interfaccia con Gioia Tauro ci preoccupa profondamente. Constatiamo purtroppo che, anche sotto questo punto di vista, il Sindaco e in particolare il Pd presente in Giunta, sono stati poco chiari, nell'intraprendere un confronto sereno, ed aperto a riflessioni. 
Infine ma non ultima la questione partito. Dopo gli ultimi fatti recenti, evidenziati anche sulle cronache nazionali, ci saremmo aspettati una discontinuità forte di questa amministrazione e del Pd presente in giunta, nei confronti dei maggiori responsabili della devastazione politica del Partito democratico provinciale. Invece, dall'iniziativa che si terrà al Cinema Liga, evidenziamo, ancora una volta, una continuità con il passato che non ci appassiona. Un tema quello della ricostruzione del Partito a noi particolarmente a cuore. Un partito che deve recuperare credibilità e trasparenza nei processi democratici interni, rimettendo in moto quell'elaborazione politica interna ai circoli che, in questi cinque anni, é mancata e che ha sempre caratterizzato positivamente la storia del più grande partito della sinistra italiana.
Riteniamo fermamente, quindi, che l'O.d.G. votato all'unanimità dai componenti dei direttivi dei due circoli il 12 novembre, e che prevede l'impossibilità per l'attuale Sindaco di partecipare alle primarie, venga rispettato. Il Coordinatore Regionale dell'associazione è Possibile Piero David dichiara: "nel caso in cui si paventasse il rischio di un inquinamento delle primarie o addirittura la partecipazione del primo cittadino o di un componente della giunta, alle stesse, l'area Civati di Milazzo inderogabilmente non parteciperà alle primarie, proprio per l'alto valore che rappresentano". Ci auguriamo che i quadri provinciali e regionali del Partito Democratico facciano chiarezza definitivamente sulla vicenda, in quanto l'immagine e lo spettacolo mortificante che il Pd sta offrendo alla città non può che avere ricadute negative."

 Piero David - Direzione Regionale Partito Democratico
Antonio Foti - Assemblea Regionale Partito Democratico
Attilio Andriolo- Portavoce Ass. Milazzo- è- Possibile

Scuola elementare "Domenico Piraino" comunicato comunale: a cura di Peppe Foti




Scuola via Trimboli, Tar condanna Comune a pagare l’esproprio

Dal sito comunale di Milazzo:
Il Comune di Milazzo dovrà indennizzare i proprietari dei terreni sui quali ha realizzato la scuola elementare “Domenico Piraino” di via Trimboli, nel quartiere San Giovanni.
Il Tar di Catania ha infatti riconosciuto le ragioni della ditta D’Amico Rosaria e poi degli eredi Faranda che avevano promosso una causa nei confronti di palazzo dell’Aquila tendente ad ottenere il risarcimento dei danni per occupazione illegittima degli immobili.
Il  Tribunale amministrativo ha condannato il Comune di Milazzo “a restituire ai ricorrenti previa riduzione in pristino, l'immobile occupato e a risarcire il danno per l'occupazione illegittima, ovvero in alternativa ad acquisire il bene e risarcire il danno derivante dall'occupazione illegittima”.
A fronte di tale provvedimento la giunta municipale ha dato incarico agli uffici di operare una preliminare valutazione dei costi degli immobili e procedere all’acquisizione degli stessi alla luce “dell’interesse esistente e in virtù del fatto che l’eventualità di restituzione dell’opera pubblica deve essere assolutamente scongiurata”.

La vicenda risale all’inizio degli anni ’90 quando l’Amministrazione del tempo interviene per superare l’annoso problema dei doppi turni nelle scuole dell’obbligo cittadine. Approfittando della disponibilità di fondi statali si pianifica la realizzazione di altre tre edifici scolastici: a Ciantro, a San Pietro (scuola Carrubbaro) e appunto in via Trimboli nel quartiere di San Giovanni.
E’ il 1992 quando il consiglio comunale approva una delibera per acquisire proprio nell’odierna via Trimboli “fondi privati specificamente destinati dal Prg ad edilizia scolastica”, riconoscendo il vincolo della pubblica utilità. Viene avviata dagli uffici la procedura, ma poco prima di arrivare alla delibera di esproprio si verifica un intoppo. La direzione lavori dell’opera comunica al Comune la necessità di una variante al progetto che prevede una maggiore area da espropriare. Per evitare interruzioni ai lavori viene prodotta anche una scrittura privata dei proprietari dei terreni che autorizzavano il Comune ad occupare quell’ulteriore piccola porzione di fondo. I lavori procedono, la scuola viene ultimata ed inaugurata, viene realizzata persino la palestra.
Ma tra Comune e privati si apre il contenzioso sulle somme da corrispondere per l’acquisizione dei terreni. Sostanzialmente i privati chiedono che a quelle aree venga attribuito un valore maggiore. E poi c’è il problema della particella aggiuntiva che il Consiglio comunale non aveva previsto nell’esproprio. Gli uffici comunali comunque completano le procedure col deposito vincolato della somma di 142 milioni di vecchie lire a titolo di indennizzo.
La mancata intesa però determina il ricorso al Tar dei D’Amico-Faranda che non presentano neppure istanza per ottenere i soldi accantonati dal Comune. Gli anni scorrono veloci sino al pronunciamento dei giudici amministrativi che tarda ad arrivare ma che quando si materializza diventa pesante per palazzo dell’Aquila.

giovedì 15 gennaio 2015

I CAMMINATORI DI S. GIACOMO




I camminatori di San Giacomo

Il “giro di San Giacomo” di Capo Milazzo è un cammino particolare, in piccolo è come andare a Santiago de Compostela in Spagna, pieno di spiritualità e, se si fa con il cuore libero dai tabù e dalle frenesie che il nostro vivere quotidiano ci impone, troviamo gli stimoli giusti per raggiungere la nostra meta. Il cammino si fa prima con lo spirito, poi con il cuore, e con il cervello e per ultimo con le gambe. 
Non si fa il “giro di San Giacomo” per fare una semplice “passeggiata”, si va per fare un “CAMMINO” piccolo o grande, lungo o corto che sia, ma un “cammino interiore”. 
Il cammino di Capo Milazzo comincia dalla chiesa di San Giacomo in Marina Garibaldi a Milazzo (Me) e la tradizione AMA vuole che prima di partire si saluti il Santo, poi ci si reca davanti alla facciata della chiesa, vicino alla colonna di sinistra e si abbraccia, dando tre “testate”, e si invoca la benedizione di San Giacomo (protettore dei pellegrini e camminatori). 
Al ritorno dal giro, davanti alla chiesa di San Giacomo, si possono esprimere “ tre desideri” .
Nel cammino di Capo Milazzo, attraverso la magia della ciclicità dei passi il corpo è impegnato per più ore in un gesto d’amore di grande carica vitale che lascia spaziare la nostra anima. La nostra mente si riappropria della sua libertà in questo stato di grazia si condivide il tutto, il piacere di stare insieme, il silenzio, il sole, la pioggia, il vento, la fatica, ... 



ma soprattutto la pace e tutto ciò che è bello, 
come i paesaggi incantevoli che si ritrovano lungo il percorso di Capo Milazzo. 

Pippo Geraci